Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

San Sebastiano al Vesuvio, ancora creolina nella scuola per interrompere lezioni

Carabinieri bloccano liceale 18enne

San Sebastiano al Vesuvio, ancora creolina nella scuola per interrompere lezioni
05/12/2013, 12:06

SAN SEBASTIANO AL VESUVIO - Un liceale 18enne vuol far interrompere le lezioni e si organizza insieme a un complice per entrare nella sua scuola e cospargerla di creolina.
Trova una pesante calza da donna, compra barattoli di creolina. Li mette in una borsa a tracolla insieme ad arnesi atti allo scasso. Parte per la spedizione…
Non sa che nella sua scuola ci sono i carabinieri, che si sono appostati dopo precedenti atti di vandalismo.
Con la calza da donna attorno al viso e il cappuccio della felpa sulla testa sale la scala esterna antincendio fino al secondo piano, in equilibrio passa a un terrazzino e da li, passando per una finestra si introduce nella scuola per iniziare…
I carabinieri della stazione di San Sebastiano al Vesuvio nel liceo scientifico “Salvatore di Giacomo”. Lo bloccano. Il complice riesce a darsi alla fuga.
Il 18enne di San Giorgio a Cremano ammette: volevo farlo per bloccare le lezioni…
L’ennesimo atto di vandalismo dopo quelli al Vomero e a Marigliano.
Il 15 novembre, a Marigliano, 2 studenti di 15 e 20 anni dell’istituto tecnico industriale “Saviano” erano stati denunciati perché avevano cosparso di creolina il corridoio dell’istituto in via Settembrini causando l’interruzione delle lezioni.
Il 22 novembre, 4 studenti tra i 17 e i 18 anni erano stati sorpresi su via Settembrini alle due e mezza di notte subito dopo aver apposto due grosse catene con lucchetti agli ingressi dello stesso istituto tecnico “Saviano”.
Il 26 novembre due 17enni e un 14enne erano stati denunciati perchè la notte del 12 novembre si erano introdotti nel liceo “Pansini” al Vomero cospargendo di creolina le scale interne e le aule di tre piani dell’edificio. Nello loro intenzioni, poi non realizzate, la plateale diffusione di blatte nei locali della scuola.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©