Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

San Valentino con la moglie, San Faustino con l'amante


San Valentino con la moglie, San Faustino con l'amante
13/02/2012, 14:02

Quello di San Valentino, per chi oltre a un partner stabile ha anche una o più avventure extraconiugali, è un periodo doppiamente delicato. La ricorrenza dedicata agli innamorati infatti è ancor più difficile da gestire quando il sentimento si sdoppia in più oggetti del desiderio. In questo caso infatti, bisogna stare attenti a trovare del tempo da dedicare a festeggiare con entrambi, senza destare sospetti nel coniuge.

Secondo il portale Incontri-Extraconiugali.com, specializzato in avventure fuori dalla coppia emerge che, se San Valentino è la festività dell’amore coniugale, il giorno seguente è eletto a momento della clandestinità. Quella che infatti è da qualche anno considerata la festa dei cuori solitari, portando San Faustino ad essere considerato oltre che patrono della città di Brescia protettore di tutti i single, viene indicata anche dagli amanti fedifraghi come data preferita per celebrare l’omologo clandestino di San Valentino.

Se quella di sfruttare anche San Faustino può sembrare, dal punto di vista cronologico, la soluzione ideale per districarsi tra coniuge e amante, è però opportuno considerare anche i rischi di un comportamento che potrebbe non passare inosservato. Secondo lo staff di Incontri-Extraconiugali, assentarsi il giorno dopo San Valentino uscendo di casa vestiti eleganti senza una scusa credibile non è l’ideale per non destare pericolosi sospetti. “Meglio piuttosto, anticipare il rendez-vous clandestino alla giornata precedente a quella di Cupido” consiglia lo staff del portale della scappatella “possibilmente prendendo un giorno di ferie oppure fingendo impegni di lavoro in serata, magari proprio con la scusa di potersi meglio liberare per il giorno successivo da dedicare alla dolce metà ufficiale”.

Incontri-Extraconiugali.com ha stilato inoltre qualche consiglio in fatto di regali di San Valentino: meglio non fare lo stesso regalo sia al coniuge che all’amante, magari per evitare confusione con i pacchetti o peggio per avere uno sconto sull’acquisto. Tutto sommato si tratta di due figure solo apparentemente in competizione tra loro, ma che ricoprono invece ruoli diversi e complementari nella vita, è giusto valorizzarle nel modo obiettivo. Per evitare rischi meglio ricorrere piuttosto al regalo esperienziale per l’amante: anziché gioielli e biancheria sexy è bene optare per una seduta in una Spa e in un centro massaggi o, qualora ce ne sia la possibilità, puntare ad un breve viaggio benessere da fare in due.

“Qualora non si riesca proprio a fare diversamente dal festeggiare San Valentino con la moglie e San Faustino con l’amante, però, ci si può sempre aggrappare alla scaramanzia: il nome Faustino, infatti, nella sua accezione latina significa “propizio”, “favorevole”. Quindi è sempre lecito sperare che il buon augurio del santo patrono dei single sia rivolto anche ai fedifraghi, consentendo loro di godere di entrambi gli aspetti dell’amore e della passione senza dover incorrere nelle ire del coniuge” conclude Alex Fantini, fondatore del portale Incontri-Extraconiugali.com.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©