Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sanità: Aumenta la spesa privata per il ticket farmaceutico


Sanità: Aumenta la spesa privata per il ticket farmaceutico
05/07/2012, 17:07

Adiconsum: “E’ fondamentale lottare contro gli sprechi e le inefficienze laddove esistono, ma è ancor più importante garantire un servizio di qualità ai cittadini caratterizzato dall’innovazione dei servizi e delle prestazioni, assicurando quindi efficienza ed equità”

Aumenta la spesa privata per il ticket farmaceutico. Tra il 2010 e il 2011 la spesa per le ricette delle medicine è salita del 34%, raggiungendo un valore assoluto di un miliardo e 337 milioni, cioè 22 euro a testa: il dato è del Rapporto nazionale OsMed 2011 su "L'uso dei farmaci in Italia", presentato oggi 5 luglio a Roma dall'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) all'Istituto superiore di sanità che da oltre dieci anni raccoglie i dati e elabora il Rapporto.

La spesa privata (farmaci di classe A che il cittadino paga, classe C con ricetta e per automedicazione) è stata pari a 6.346 milioni di euro: cresce del 21%rispetto al 2010 la spesa dei farmaci di classe A.

“Sono numeri molto elevati – dichiara il Segretario generale dell’Adiconsum Pietro Giordano – che pesano sulle famiglie italiane: i dati del rapporto parlano di una spesa pro capite di 434 euro”.

“Se a questo si aggiunge – continua il Segretario generale dell’Adiconsum – le proposte in discussione nel decreto spending review in cui si ipotizza una riduzione del tetto alla spesa farmaceutica, ossia l’onere a carico del servizio sanitario nazionale per l’assistenza farmaceutica territoriale, rispetto al complessivo finanziamento statale di 1 punto percentuale, è evidente che la situazione per le famiglie italiane non può che essere oltremodo gravosa ed insostenibile.”

“E’ fondamentale lottare contro gli sprechi e le inefficienze laddove esistono, – conclude Pietro Giordano – ma è ancor più importante garantire un servizio di qualità ai cittadini caratterizzato dall’innovazione dei servizi e delle prestazioni, assicurando quindi efficienza ed equità”.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©