Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Napoli, crediti per oltre 5 milioni di euro da Regione e Asl

Sanità: Croce Rossa non ha soldi, taglio a postazioni


Sanità: Croce Rossa non ha soldi, taglio a postazioni
04/04/2010, 02:04

NAPOLI - Non ci sono i soldi per pagare la benzina per le autoambulanze ne' per pagare il meccanico che dovrebbe ripararle. Soprattutto non ci sono i soldi per rinnovare i contratti a termine di medici e infermieri. A partire da oggi stop alla postazione della Croce Rossa al Vomero, quartiere tra i piu' popolosi di Napoli. Ma presto, a causa di un credito di oltre 5 milioni di euro che vanta la Croce Rossa di Napoli e provincia, la situazione potrebbe precipitare. Paolo Monorchio (nella foto), commissario della Croce Rossa di Napoli e provincia, scende nei dettagli. E descrive una situazione allarmante. ''Tra la Regione Campania e l'Asl, la Croce Rossa deve avere avere, da anni, oltre 5 milioni di euro - spiega - il meccanico non ci ripara piu' le autoambulanze perche' deve avere non so quanti soldi. C'e' poi il grave problema delle postazioni. Dal primo aprile sono scaduti contratti a termine di medici e infermieri che non riusciamo a rinnovare perche' non abbiamo i soldi per farlo''. ''Per Pasqua e Pasquetta, con salti mortali, siamo riusciti ad assicurare presenze di medici e infermieri in tutte le postazioni - sottolinea - ma se continua questa situazione, dopo il Vomero, lo stop potrebbe scattare anche in tante altre postazioni''. Da qui un appello al neo governatore Caldoro: ''Abbiamo bisogno di incontrarlo e di fargli capire l'emergenza che stiamo vivendo''. Maria Rosaria Rondinella, responsabile della centrale operativa regionale del 118, lancia anche lei l'allarme. ''Togliete le mani dagli ammalati e dai cittadini, e noi saremo in grado anche con l'aiuto del nuovo governatore a togliere barelle dal Cardarelli'', dice. Chiama in causa ''nomine illegali'' e dice 'basta a questa situazione''. Esprime ''forte rammarico'' e soprattutto annuncia ''battaglia con tutte le centrali operative''.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©