Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Sanità: morta dopo correzione scoliosi, istituto esclude errore


Sanità: morta dopo correzione scoliosi, istituto esclude errore
06/02/2009, 21:02

L'Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, struttura dove venne operata di scoliosi una 14enne morta il 29 gennaio, esclude per il momento che siano emersi elementi tali far pensare a un errore dei medici. "Al momento non ci sono elementi per pensare a errori" ha detto Stefano Liverani, direttore sanitario dell'istituto. Sulla vicenda sta indagando la magistratura bolognese, informata dalla stessa struttura sanitaria prima del decesso della ragazzina. "Si può dire che si è trattato - ha continuato il direttore sanitario - di un intervento complesso e serio che oggi viene fatto in pochi centri in Italia. Se si guarda la letteratura internazionale si può vedere che per un'operazione come questa si possono avere complicanze serie nel 5,7% dei casi". Liverani ha ricordato che il 60% dei pazienti curati nella struttura bolognese viene da regioni diverse dall'Emilia Romagna così come la 14enne morta a gennaio, originaria della provincia di Napoli, e come la 13enne della provincia di Cosenza morta nel dicembre 2007 sempre per un'operazione di correzione di scoliosi, eseguita da medici diversi da quelli del caso del 2009. "Sono due situazioni molto diverse - ha precisato Liverani - visto che oggi non sappiamo le cause, mentre nel caso del 2007 c'è stata una lunga indagine e siamo arrivati a capire che si è trattato di un evento tragico ed eccezionale senza colpa dei medici e della struttura". Il direttore sanitario ha infine espresso il desiderio di "capire cosa è successo, è nel nostro interesse".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©