Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Penisola tre i migliori Paesi per spese e qualità sanitaria

Sanità, rapporto Ocse premia l'Italia


Sanità, rapporto Ocse premia l'Italia
08/12/2009, 20:12

Incredibile all’Ocse. Sembrerebbe un gergo calcistico, ma mai tanto clamore può essere più giustificato. L’Organizzazione per l’Economia, la Cooperazione e lo Sviluppo ha presentato un incredibile raccolta dati sui sistemi sanitari mondiali. Tra questi l’Italia che, udite udite, è tra i migliori Paesi al mondo in quanto a costi di gestione. In Italia la spesa sanitaria pro-capite è sotto la media dei paesi più industrializzati: 8,7% del Pil, contro l'8,9 per cento. La spesa pro capite nel 2007 è stata pari a 2.868 dollari contro la media Ocse di 2.984.
Risparmiare non vuol dire necessariamente trascurare la salute dei cittadini, come peraltro «il miglior sistema sanitario non è per forza quello più costoso», afferma l’Ocse, che rivaluta la sanità italiana anche sotto l’aspetto dei servizi offerti. Un ottimo rapporto qualità-prezzo per l’organizzazione sanitaria tricolore, insomma, a differenza dei grandi Paesi. Tra questi gli Stati Uniti che restano di gran lunga il Paese in cui si spende di più per la salute pubblica, seppur con risultati non del tutto incoraggianti. L’Italia è invece 19esima su 30 paesi nei costi procapite e 16esima sull'incidenza delle spese della sanità rispetto al Pil.
Resta allora un “piccolo cavillo” da chiarire. Se la sanità nostrana è tra le migliori al mondo per qualità dei servizi e contenimento di spese, cosa bisogna pensare dei numerosissimi casi di malasanità che si sentono all’ordine del giorno nelle pagine di cronaca?
Forse le condizioni degli altri Paesi sono addirittura peggiori delle nostre?
Si spera sia il contrario, ma di certo l’Ocse più che alla qualità guarda alla quantità-
La questione dei costi dell'assistenza sanitaria resta un aspetto primario nell'analisi dell’ente e la penisola italiana, con il suo diciannovesimo posto e 2.686 dollari pro capite spesi merita certamente una nota di merito.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©