Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Due mesi per una carrozzina. Spesso anche di più

Sanità: tempi sempre più lunghi per i servizi Asl


Sanità: tempi sempre più lunghi per i servizi Asl
14/07/2011, 12:07

Per avere a casa una carrozzina elettrica possono passare anche due mesi. Un cittadino può arrivare, dalla prescrizione al collaudo di una protesi, fino a 10 passaggi presso uffici e sedi della Asl o delle ditte fornitrici. E ancora, per un ventilatore polmonare quasi 1 cittadino su 5 (18%) attende solo cinque giorni, ma all’estremo opposto sempre un 18% di pazienti aspetta oltre i 60 giorni.
È quanto emerge dal primo Rapporto sull’assistenza protesica e integrativa presentato oggi a Roma da Cittadinanzattiva. I dati provengono dalla compilazione di 212 questionari raccolti nei mesi di aprile e maggio 2011 e riguardano cittadini residenti in 17 Regioni, equamente distribuite tra le diverse aree geografiche del Paese. Tempi lunghi, eccessiva burocrazia e diritti disomogenei di Asl in Asl sono dunque i principali ostacoli per i cittadini che necessitano di protesi e ausili per la cura della loro patologia. Da sempre Cittadinanzaattiva si fa portavoce di questi casi: “Parliamo di persone - spiega - con lesioni di midollo osseo, costretti su sedia a rotella, o persone che soffrono di incontinenza, portatori di stomie, anziani o allettati affetti da ulcere cutanee”. Persone che comunque si ritrovano dinanzi ad attese spesso più che lunghe per quelli che sono i tempi eccessivamente lunghi e spesso sbagliati della burocrazia.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©