Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Gli iscritti di Federbiologi hanno già presentato domanda

Sanità: trovato accordo Federbiologi-Regione e toccherà 150 lavoratori


Sanità: trovato accordo Federbiologi-Regione e toccherà 150 lavoratori
29/07/2009, 17:07

Finalmente è arrivato l'accordo tra Federbiologi e Regione Campania per quanto concerne la questione del trattamento di cassa integrazione in deroga a favore dei  dipendenti laboratori di analisi accreditati e che riguarderà  150 lavoratori dell'indotto.
E' stesso la Federbiologi a rendere pubblica la notizia attraverso un comunicato stampa; Il tavolo di concertazione, istituito presso l'Assessorato al  Lavoro della Regione Campania, ha approvato l'accordo quadro  stilato tra Federbiologi e le organizzazioni sindacali di  categoria (Filcams Cgil, Fisascat Cisl, e Uil Tucs) per  l'accesso ai fondi di integrazione salariale in deroga a favore  dei dipendenti dei laboratori di analisi accreditati iscritti ai  sensi della legge Finanziaria 2008 e n.33/2009, sugli  ammortizzatori sociali. Complessivamente, il trattamento di integrazione salariale  riguarderà un massimo di 150 unità lavorative per il periodo  strettamente limitato che va dal 30 settembre fino al 30  dicembre 2009 e che servirà a compensare il calo delle commesse.
 Una situazione che, già nello scorso anno - si legge nella  nota - ha inciso pesantemente sul reddito globale d'impresa e  che potrebbe tradursi in un'eccedenza di personale dipendente  formato da professionisti specializzati che finirebbe per  disperdersi. Il percorso di attivazione degli strumenti di ammortizzazione  contribuirà a mantenere uno stato, sia pure relativo, di  serenità e consentirà al settore dei laboratori di investire  in ricerca, apparecchi a tecnologie più avanzate. Tutti gli iscritti a Federbiologi, che hanno già presentato  la domanda tramite la segreteria del sindacato, potranno  attivare il ricorso agli ammortizzatori sociali, nel caso in cui  si dovessero verificare le situazioni descritte.

Commenta Stampa
di Agostino Falco
Riproduzione riservata ©