Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

SANITA’, IN CAMPANIA 1 PUNTO NASCITA SU 3 NON GARANTISCE LA MASSIMA SICUREZZA


SANITA’, IN CAMPANIA 1 PUNTO NASCITA SU 3 NON GARANTISCE LA MASSIMA SICUREZZA
04/11/2008, 15:11

Il Meridione d’Italia soffre la piaga dell’arretratezza anche nel settore sanitario. L’ultimo allarme è stato lanciato dai ginecologi della Campania e riguarda le condizioni dei reparti ospedalieri riservati all’accoglienza delle partorienti: al Sud 1 parto su 3 avverrebbe in ospedali che non sono il top in termini di prestazioni, ma che non sembrano neppure in grado di garantire la massima sicurezza. Nelle strutture ospedaliere del Nord l’84% dei parti si svolge in punti nascita di grandi dimensioni, molto sicuri ed attrezzati. Il Sud d'Italia, invece, oltre ad essere molto più arretrato da questo punto di vista, preoccupa anche per i dati relativi alla natalità nei reparti: si registrano meno di 500 parti l’anno, mentre per gli esperti il numero annuo per assicurare un livello di sicurezza accettabile dovrebbe essere di almeno 1.000. 

 

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©