Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Un nuovo metodo di informatizzazione ridurrà i costi

Sanità,Brunetta: Certificato medico online e risparmio di 500 mln


Sanità,Brunetta: Certificato medico online e risparmio di 500 mln
14/04/2010, 21:04

ROMA - Il ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta annuncia un provvedimento che ha l'aria di essere rivoluzionario e spiega infatti che "è' in corso la sperimentazione sui certificati medici in formato elettronico per 15 milioni di lavoratori dipendenti sia del pubblico che del privato. Entro tre mesi - precisa dunque Brunetta - non ci saranno piu' certificati cartacei e raccomandate che i lavoratori inviavano a Inps e datore di lavoro per giustificare la loro assenza. Questa operazione portera' a un risparmio di circa 500 mln di euro".
il ministro dalla P.A., insieme a quello della Salute pubblica Ferruccio Fazio, si dimostra quindi decisamente ottimista riguardo il nuovo sistema di informatizzazione della sede del dicastero della Salute in via Giorgio Ribotta (Roma) visitato quest'oggi.  Citando calcoli precisi, Brunetta ha infatti ribadito:"Riusciremo a eliminare 150-200 milioni di pezzi di carta e faremo risparmiare circa 10 euro per ogni certificato, tanto al cittadino tanto all'amministrazione pubblica. Per un totale di circa 500 milioni di euro". Insomma, per il ministro, questa grande novità tecnologica che a breve dovrebbe entare in funzione "unita alla ricetta elettronica, che sara' operativa entro l'anno, al fascicolo sanitario elettronico e alla centralizzazione delle liste d'attesa, fara' della nostra sanita' una delle piu' avanzate a livello europeo".
500 milioni di euro non sono pochi e, se le cifre di cui parla l'ex candidato sindaco di Venezia corrispondono a stime reali, allora qualcosa di positivo si sta effettivamente facendo. E' ancora sicuramente poco ma, al contempo, non si può reputare il provvedimento privo di utilità; sempre a patto che non si tratti dell'ennesima innovazione annunciata e poi mai realizzata.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©