Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Sannio-gate, arrivano nuove “intercettazioni” -video


.

Sannio-gate, arrivano nuove “intercettazioni” -video
05/02/2014, 15:20

Non si preannunciano giorni facili per l'ex ministra Nunzia De Girolamo: tra i 50 files audio, consegnati la settimana scorsa in Procura dal suo grande accusatore, l'ex direttore amministrativo dell'Asl Felice Pisapia, ce n'è almeno uno contenente la sua voce. Sarebbe il terzo episodio, dopo i primi incontri di luglio 2012, registrati di nascosto proprio da Pisapia, in cui risulterebbe coinvolta la deputata beneventana del Nuovo Centrodestra iscritta, la settimana scorsa, nel registro degli indagati.Appare a questo punto sempre più probabile un interrogatorio perla De Girolamoanche se i suoi legali, Gaetano Pecorella e Angelo Leone, hanno ribadito in più occasioni di non aver ricevuto alcun avviso di garanzia e di non essere al corrente di attività investigative nei suoi confronti. Nel fascicolo sulla sanitopoli sannita,la De Girolamoricopre un duplice ruolo: da un lato, farebbe parte del “direttorio politico-partitico” che avrebbe, secondo l'accusa, orientato la gestione dell'azienda sanitaria; mentre dall'altro sarebbe la presunta vittima di una “macchinazione” ordita da politici del Partito democratico, da un avvocato di Benevento e dallo stesso dg dell'Asl, Michele Rossi per danneggiarla. Proprio quest'ultimo, ieri pomeriggio, è stato interrogato dai pm che indagano sul filone dei presunti appalti pilotati legati all'affidamento del servizio di 118. Pista investigativa emersa dalle precedenti registrazioni consegnate da Pisapia agli inquirenti. Rossi ai magistrati avrebbe scaricato tutte le responsabilità penali, delle vicende oggetto di accertamento, su Pisapia da lui, effettivamente, denunciato all'autorità giudiziaria nel 2013 e licenziato per vicende relative a presunte truffe e casi di peculato. Nei prossimi giorni, nel filone relativo alla presunta trappola ai danni dell'ex ministra delle Politiche agricole, sarà sentito come testimone l'avvocato Roberto Prozzo indicato, da un'altra registrazione, come uno dei congiurati. Prozzo, tra l'altro, è il difensore proprio di Rossi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©