Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cronaca di un gesto disperato arrivato in prima serata

Sanremo, fuori programma,o quasi, dei disoccupati


Sanremo, fuori programma,o quasi, dei disoccupati
19/02/2014, 15:37

NAPOLI- Abituati alla politica fatta in tv, assuefatti  dalla voglia di spettacolarizzare tutto ad ogni costo annoveriamo l’ennesimo dramma della crisi del paese e in particolare della nostra terra,  palinsestato in prima serata. La disperazione di due lavoratori disoccupati del consorzio del bacino di Napoli e di Caserta che  da sedici mesi, assieme ad altri 800 dipendenti, non ricevono lo stipendio,  arriva alla kermesse più nazional popolare che ci sia. La 64esima edizione del Festrival  si apre con un colpo di scena. Dal palco due uomini si agitano uno tra i due urla ma senza microfono ma  non si sente nulla . L’altro ha in mano un volantino  dei cassaintegrati del consorzio.Il conduttore  Fazio è contrariato e cerca di guadagnare tempo. Fazio promette di leggere la lettera che gli viene lanciata da manifestanti. Poi assicuratosi  che non succeda nulla di grave e visto che l’uomo  viene messo in salvo e non rischia di lanciarsi apre l Festival con  una canzone di De Andre’, Creuza de ma... Solo  Dopo l’esibizione canora, Fabio Fazio memore della promessa fatta  legge la lettera dei due lavoratori. Alla fine della kermesse a, il conduttore annuncia che i due sono stati convocati in questura per l’identificazione. Cade così nel dimenticatoio la disperazione di una frase “Smettila di fare Sanremo. Non possiamo più mangiare”, cronaca di una storia e una disperazione prettamente campane già a noi nota. Il Festival continua…. Perché Sanremio è Sanremo.

 

 

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©