Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Santacroce: ”Infrastrutture ? Gli altri parlano dei programmi del 1996”


Santacroce: ”Infrastrutture ? Gli altri parlano dei programmi del 1996”
20/05/2013, 14:20

“Non ci sono quelli per lo sviluppo e quelli contro lo sviluppo, e non esistono le infrastrutture di Iacone o quelle di Marotta, esistono quelle di cui la città necessita”. Si è espressa con queste parole la candidata al consiglio comunale di Portici nella lista Portici per Marotta Teresa Santacroce commentando alcune interviste apparse negli ultimi giorni sulla stampa locale. “La questione” ha proseguito “non è quante cose si fanno, ma quali e soprattutto come si fanno. E’ ovvio che i programmi possano sembrare simili, stiamo parlando di Portici non di New York, il territorio è quello, le esigenze sono conosciute, ma che il centrosinistra propagandi l’abbattimento delle barriere architettoniche del corso Garibaldi, prometta il miglioramento dell’area mercatale  e la riqualificazione dell’area Kerasav, dopo almeno due decenni in cui ha amministrato la città appare la classica autorete. Le autoreti poi passano a due se consideriamo la imminente quanto inutile variazione dei toponimi che farà piombare la città nel caos più totale. Considerato che i candidati al consiglio comunale negli schieramenti opposti al nostro sono pressoché gli stessi di sempre, anche se in qualche caso portano casacche diverse, e considerando che anche i programmi sono quelli del 1996” ha concluso Santacroce “tutto fa presagire che se questi signori venissero confermati, tra venti anni parleremo ancora degli stessi argomenti, io penso che la vera imbalsamatura sia questa”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©