Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sant'Anastasia: primi passi per una nuova caserma CC


Sant'Anastasia: primi passi per una nuova caserma CC
22/03/2010, 15:03

La speranza è tutta nel Provveditorato alla Opere Pubbliche che potrebbe risolvere l’annosa questione della Caserma dei Carabinieri.
Il Commissario Straordinario, dott. Gioacchino Ferrer, in una nota a firma sua e del Responsabile dei LL.PP., ing. Luigi Coppola, ritenendo la struttura indispensabile per il controllo assiduo e puntuale del territorio, ha chiesto al Provveditorato di inserire nel proprio programma la costruzione di una “Stazione Media” in Sant’Anastasia, da realizzare su di un’area di proprietà dell’Ente, gradita anche all’Arma.
“Attesa la condizione dell’attuale stato degli appartamenti adibiti a Caserma dei Carabinieri, peraltro di proprietà privata per cui il Comune versa un canone di fitto, è stata sottoposta al Provveditorato alle Opere Pubbliche una richiesta di finanziamento per la costruzione di una Caserma su territorio di proprietà comunale. Chiaramente – afferma il Commissario Ferrer - questa scelta tende a migliorare il servizio alla città, mette i carabinieri in condizione di poter svolgere il loro lavoro in una struttura moderna e adatta alle esigenze e risponde meglio all’obiettivo di garantire sicurezza per tutti. E’ solo un primo passo che dovrà essere seguito dal futuro Sindaco”.
Le varie Amministrazioni Comunali di Sant’Anastasia hanno da più di cinquant’anni avvertito l’esigenza di dotare il territorio di una Caserma dei Carabinieri al fine di assicurare un più adeguato controllo del territorio. Anche l’Arma ha manifestato, nel passato e attualmente con più forza attraverso il Comandante Fernando De Solda, la necessità e l’opportunità di avere una sede adeguata in Sant’Anastasia e recentemente sono state perseguite varie soluzioni senza esito positivo, come l’inserimento non ultimo nel programma triennale delle opere pubbliche 2009/2012 pur senza l’effettiva possibilità di finanziare o avere finanziamenti per realizzarla, nonchè il ricorso all’intervento di privati che si è poi arenato in una fase molto avanzata della trattativa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©