Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sant'Anastasia, vigili sospendono lo sciopero della fame


Sant'Anastasia, vigili sospendono lo sciopero della fame
12/02/2010, 14:02


SANT'ANASTASIA - Incoraggiati dalla notizia dell'incontro in Prefettura, previsto per mercoledì prossimo, i sei ex vigili hanno deciso di dare un segnale distensivo sospendendo lo sciopero della fame. Resterà, invece, il presidio in piazza Siano e resteranno loro, finchè non vedranno uno spiraglio nella complicata vicenda legata al lavoro precario svolto presso l'Ente per 37 mesi, mediante vari contratti a termine. "Abbiamo fiducia nel Prefetto, nel Commissario Straordinario, nei sub-commissari, nel Vescovo, nei sindacati, in tutti coloro che ci sostengono. Ringraziamo - affermano unanimamente i ragazzi - le forze politiche, i nostri colleghi e quelli dei Comandi vicini, i Carabinieri e i cittadini che hanno organizzato la raccolta di firme a nostro favore e quelli che hanno messo in piedi la fiaccolata di ieri. Ringraziamo tutti della stampa che ci stanno seguendo in maniera costante e con una grande attenzione, sensibilità e comprensione. Speriamo che la nostra assurda vicenda si risolva. Continuate a starci vicino! Perchè perdere il lavoro è veramente un dramma che non auguriamo a nessuno di vivere. Soprattutto dopo tre anni di servizio a tempo determinato presso il Comando P.M., trascorsi a compiere il nostro dovere fino in fondo".
Questa mattina, i ragazzi hanno avuto la solidarietà dell'ex sindaco Pone, che li ha salutati in piazza Siano. Solidarietà che è stata espressa in tanti modi e da tanti colleghi dell'Ente, politici, prossimi candidati alle amministrative e cittadini. Esemplare la presenza dei carabinieri della locale stazione. Tutti, ora, aspettano il risultato dell'incontro che si terrà in Prefettura mercoledì prossimo e sperano che - con l'intervento del Prefetto, dei sindacati e degli esperti in materia - si individui una via amministrativa percorribile per ottenere almeno un contratto a termine più lungo ( in virtù della carenza di personale P.M., della necessità di garantire presenza in paese, ordine pubblico, controllo del territorio, lotta agli scarichi abusivi di rifiuti, regolazione del traffico, del commercio ambulante e del flusso turistico nel periodo pasquale, assistenza ai seggi elettorali), che permetta al futuro Sindaco di valutare se e come agire per arrivare alla stabilizzazione dei sei ex agenti P.M. L'Ente non tace le difficoltà in merito e per questo il Commissario Straordinario, nel disporre l'approfondimento degli atti e delle norme da parte dei funzionari del comune, ha, ieri, auspicato che si arrivi all'incontro di mercoledì prossimo in prefettura con proposte fattibili.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©