Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sant'Antimo, blitz nei locali della movida


Sant'Antimo, blitz nei locali della movida
27/04/2012, 14:04

Nei giorni scorsi, nelle ore serali e notturne, a Sant’Antimo, i militari del Nucleo Operativo del Gruppo Carabinieri per la Tutela del Lavoro di Napoli (reparto speciale dell’Arma), unitamente a quelli della locale Tenenza Carabinieri, effettuavano un blitz volto al contrasto del fenomeno dello sfruttamento dei lavoratori in nero e alla salvaguardia della sicurezza sui luoghi di lavoro. Nel mirino dei militari dell’Arma, infatti, finivano alcuni locali della movida della periferia napoletana, discoteche, bar, ristoranti, disco-bar e agenzie di servizi e sicurezza, ritenuti responsabili di diverse violazioni in materia di lavoro. Gli operanti, oltre ad adottare quattro provvedimenti amministrativi di sospensione di attività d’impresa per l’impiego di manodopera in nero superiore al 20% della forza lavoro impiegata, deferivano in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, 4 persone tra imprenditori ed amministratori di aziende, per violazioni al Testo unico vigente in materia di lavoro e per aver installato sistemi di videosorveglianza con puntamenti nei luoghi di lavoro, senza la prevista autorizzazione della Direzione Territoriale del Lavoro competente. Nell’ambito del servizio, venivano: esaminate 17 posizioni lavorative, 15 delle quali in “nero”; elevate sanzioni amministrative per un importo complessivo di 65 mila euro; contestate violazioni penali per 170 mila euro di importo e recuperati 15 mila euro di contributi previdenziali e premi assicurativi non versati.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©