Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sant'Antimo, borse di studio per i figli di commercianti e artigiani


Sant'Antimo, borse di studio per i figli di commercianti e artigiani
26/03/2010, 10:03


SANT'ANTIMO - I titolari di Imprese Artigiane e Commerciali operanti sul territorio di Sant’Antimo possono concorrere al riconoscimento e ottenimento di Borse di Studio rivolte esclusivamente ai figli dei richiedenti sui presupposti dei meriti scolastici relativi all’anno 2008/2009 iscritti alle scuole elementari, medie, superiori, università. Le istanze, da compilarsi con la modulistica che è possibile ritirare presso l’Ufficio Attività Produttive del Comune di Sant’Antimo e scaricabile dal sito internet del comune (www.comune.santantimo.na.it), dovranno pervenire a mano, presso la Segreteria del XX Premio Giovanni Luongo C/O CASARTIGIANI (Confederazione Autonoma Sindacati Artigiani) Piazza Garibaldi, n°73 – 80142 Napoli (info tel. 081.5545365 – 5544495 www.casartigiani.napoli.it) improrogabilmente entro le ore 12.00 del 30 maggio 2010. L’istanza dovrà riportare i principali dati anagrafici del genitore e del figlio partecipante, corredata da certificato di iscrizione all’Albo delle Imprese Artigiane del genitore, o Certificato Registro Imprese se commercio, da copia autenticata del certificato/attestato di conclusione dell’anno scolastico 2008/2009 dalla quale risulti la votazione e/o il giudizio conseguito, fotocopia documento d’identità del genitore e autocertificazione reddito dell’ultimo anno. La cerimonia di premiazione avverrà nella Sala Borsa Valori della Camera di Commercio di Napoli, ente finanziatore dell’intervento, alla presenza delle Istituzioni dello Stato Patrocinanti l’evento. I premi che saranno assegnati prevedono la somma di 150.00 euro per le elementari e medie, e 300,00 per superiori ed università. “Una buona occasione per premiare i più meritevoli” ha commentato il vicesindaco, nonché assessore alle attività produttive Corrado Chiariello. “Le borse di studio che si elargiranno saranno un piccolo segnale per dimostrare ancora una volta che le istituzioni sono sensibili ai problemi dei cittadini e dei propri figli”, ha aggiunto. Soddisfatto anche il primo cittadino Francesco Piemonte. “Quando si tratta di formazione delle nuove generazioni e cultura le istituzioni non devono mai tirarsi indietro. Lodevoli iniziative come queste meritano una grande pubblicità affinché siano di esempio anche per altre organizzazioni sindacali ” conclude.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©