Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sant’Antimo, un fermato per tentata estorsione e lesioni personali


Sant’Antimo, un fermato per tentata estorsione e lesioni personali
01/01/2011, 20:01

I carabinieri della tenenza di Sant’Antimo hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto Kabir Humayun, 29enne, del Bangladesh, domiciliato a Sant'Arpino (Ce), incensurato, non in regola con la legge sulla immigrazione, ritenuto responsabile di tentata estorsione ai danni di un connazionale 23enne residente a Sant’Antimo e lesioni personali in concorso con i connazionali Uddin Washin e Sarkar Ali Shaid fermati dai carabinieri per gli stessi reati il 2 novembre. La sera del 31 ottobre avevano malmenato e minacciato di morte la vittima tentando di estorcergli 300 euro e provocandogli “contusioni multiple al capo, al massiccio frontale ed al torace” guaribili in 20 giorni. il Kabir, inoltre, aveva successivamente rintracciato la vittima in piazza della repubblica minacciandola di morte per fargli ritirare la denuncia e, di fronte al rifiuto opposto, aveva picchiato l’uomo a calci e pugni accoltellandolo alla mano ed aggredendo anche il fratello 19enne. I due uomini aggrediti erano stati medicati all’ospedale di Aversa per “contusione addominali e ferita da arma da punta alla mano sinistra” e per “contusione addome e massiccio facciale”, guaribili in 5 giorni. Il predetto e’ stato rintracciato dai militari dell’arma a Sant’Antimo venendo sottoposto ad individuazione fotografica e di persona da parte della vittima. Dopo le formalità di rito e’ stato associato alla casa circondariale di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©