Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Santori: “A che serve inasprimento pene se non ci sono interventi immediati ed efficaci”


Santori: “A che serve inasprimento pene se non ci sono interventi immediati ed efficaci”
12/05/2011, 17:05

“E’ doveroso riflettere sull’urgenza di organizzare nuclei specializzati che siano posti in grado di intervenire con immediatezza ed efficacia contro chi si ostina a non rispettare gli animali. Troppo spesso accade ancora di vedere cani lasciati regolarmente soli in casa tutto il giorno, o animali picchiati, malnutriti, sottoposti a vere e proprie violenze, legati ad una corda e trascinati per il collo, costretti ad esibirsi in penosi esercizi su improvvisati e luridi palcoscenici allestiti abusivamente nelle strade, o trasformati in accattoni sulle orme di improbabili proprietari per impietosire i passanti. E’ ora di intervenire con fermezza e con tutti gli strumenti che la legge mette a disposizione per combattere questi illeciti comportamenti”. Lo dichiara in una nota il presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale Fabrizio Santori, che sottolinea “l’inefficacia dell’inasprimento delle pene se a mancare sia l’immediata applicazione delle leggi a difesa degli animali”.

“Le norme per la tutela, la salvaguardia e il rispetto degli animali ci sono, parlano chiaro e devono essere rispettate. Non è più possibile tollerare episodi che si susseguono giorno dopo giorno e che scatenano le reazioni indignate di un crescente numero di cittadini che dicono basta a condotte che raggiungono la barbarie. Comportamenti che in quanto tali sono espressamente puniti dai codici e che invece continuano ad andare in scena troppo spesso per le vie e le piazze della città. Auspichiamo che le Forze dell’Ordine e la Polizia Municipale, nonostante la grande mole di lavoro e l’impegno che quotidianamente profondono nella già complicata operazione di garantire la sicurezza degli esseri umani, non tralascino quello che è comunque un loro preciso dovere a cui è necessario fare fronte”, conclude Santori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©