Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Santori (PDL): “Mozione di richiesta sgombero respinta a causa dell’astensione del PD”


Santori (PDL): “Mozione di richiesta sgombero respinta a causa dell’astensione del PD”
11/02/2011, 15:02

Roma, 11 febbraio 2011 - “Oggi il centrosinistra ha dimostrato di non aver ancora risolto le problematiche che la contraddistinguono in rapporto al mondo dei centri sociali e dell’estrema sinistra e lo ha dimostrato con l’ignavia di chi in Aula si astiene per non prendere una posizione chiara e perentoria di fronte alle costanti richieste che arrivano dalla cittadinanza della Magliana sulla necessità di liberare e assegnare destinazione e funzionalità sociale a uno stabile comunale di rilevanti proporzioni”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV, primo firmatario della mozione respinta stamane nel Consiglio del XV Municipio.

“La mozione impegnava il Presidente del Municipio Paris a farsi promotore presso il Sindaco Alemanno – insiste Santori – della necessità di provvedere urgentemente all’attivazione di tutte le procedure necessarie per lo sgombero e la messa in sicurezza dello stabile della ex scuola 8 Marzo sito alla Magliana in Via dell’Impruneta”. Assieme ai consiglieri De Luca, Di Bella, Ficosecco, Filetti, Palma e Romeo “si è sottolineata l’esigenza del Municipio di esprimersi di fronte ad un’occupazione, definita dai comitati di lotta per la casa a scopo abitativo, che è sempre meno tollerata dai cittadini e dall’Autorità Giudiziaria. Numerose sono state infatti le inchieste aperte dalla Procura su presunti abusi di alcuni esponenti del comitato ex scuola 8 marzo nei confronti di immigrati e cittadine comuni e che hanno portato anche all’arresto di alcuni dei detti rappresentanti”.

“Ci dispiace – conclude Santori – doverci appellare per l’ennesima volta direttamente al Sindaco a causa dell’atteggiamento ipocrita e interessato della maggioranza di centrosinistra che, così facendo, non fa che tutelare chi calpesta la legalità andando ad occupare stabili pubblici e, di fatto, penalizzando gli onesti cittadini che attendono l’assegnazione di un’abitazione in base alla ordinaria graduatoria redatta dal Dipartimento Politiche Abitative di Roma Capitale. Nel frattempo la Magliana auspica che entro breve questa struttura venga riconsegnata ai cittadini e al quartiere”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©