Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il giornalista sfida il premier a concentrarsi sulla Rai

Santoro a 'In 1/2 h': "Monti consideri la mia candidatura"

Carlo Freccero: "Il mio è un curriculum tecnico"

Santoro a 'In 1/2 h': 'Monti consideri la mia candidatura'
29/04/2012, 20:04

ROMA - Lo avevano annunciato e lo hanno fatto. Michele Santoro e Carlo Freccero si sono candidati rispettivamente direttore generale e presidente della Rai durante il Festival di Giornalismo a Perugia. "Monti non è credibile se non considera la mia candidatura. Dovrà prestare attenzione a questa richiesta perché se la fase due non comincia dalla Rai vuol dire che non comincerà mai. Non è una questione di soldi, ma di credibilità del governo" ha detto Santoro, ospite a 'In 1/2 h' di Lucia Annunziata sui Rai3. "Io e Freccero potremmo affrontare un dibattito con qualunque altro ticket. Abbiamo titoli, esperienza, abbiamo seguito una pratica multimediale che nessuno ha fatto in Italia. Se uno vuole prendere in mano la Rai e non fare tagli dolorosi, deve investire nella multimedialità, i dipendenti devono essere impegnati secondo progetti orizzontali e non verticali. Manderemo i nostri curriculum alle istituzioni e vedremo come li analizzeranno - ha detto a mo' di sfida il giornalista -. Vogliamo affermare il principio che chi aspira a ricoprire cariche pubbliche di rilievo, deve dirlo in maniera trasparente. Vorrei che Monti ci indichi un percorso, una scadenza".
In contemporanea, anche il direttore di Rai4 Carlo Freccero ha rivendicato la sua candidatura ai vertici della Rai. Lo ha fatto durante la conferenza stampa del Festival di giornalismo di Perugia: "Basta con i partiti, è ora di chiudere questa polemica a meno che non si voglia sostenere che i partiti decidono come la Chiesa decide i cardinali". Freccero si è difeso da chi lo accusava di essere legato alla politica: "Il Pd non mi sembra che mi abbia mai sostenuto in questa esperienza di Rai4, il mio è un curriculum tecnico. Sto preparando un dossier teorico di 80-90 cartelle. E' un problema di metodo. E' giusto che certi posti vengano assegnati dopo la presentazione di curriculum, come fa la Bbc". Oltre a Michele Santoro e Carlo Frecceri, anche Gianpiero Gamaleri, già consigliere di amministrazione dell'azienda dal 1998 al 2002, si è candidato ai vertici della Rai con una lettera indirizzata al presidente della Vigilanza Sergio Zavoli, e al premier Mario Monti.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©