Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Probabile una risposta del conduttore in Tv oggi

Santoro-Masi: vicino lo scontro finale


Santoro-Masi: vicino lo scontro finale
14/10/2010, 09:10

ROMA - SI inaspriscono i toni tra il direttore generale della Rai Mauro Masi e il giornalista Michele Santoro. Lo dimostra, dopo l'invio della comunicazione di sospensione per Santoro per 10 giorni, anche l'intervista rilasciata al Messaggero, in cui il dg della Rai minaccia: "Se Santoro mi attacca ancora, lo licenzio". Un tentativo già fatto nei giorni scorsi in Consiglio di amministrazione, ma con scarsi esiti, visto che si era trovato isolato. In effetti, con l'ultimo licenziamento improprio del giornalista, nel 2001, il dirigente che l'ha licenziato ha dovuto pagare di tasca sua oltre un milione di auro di danni. Disincentivo notevole a forzare la situazione.
Da parte sua non è che il giornalista campanpo abbassi i toni. Lo dimostrano le dichiarazioni rese a commento della decisione di Masi, che bloccherà Annozero per due puntate: "Ci mettono i bastoni tra le ruote tutte le settimane. Ora ci tagliano due puntate. Basta chiedere a Carlo Freccero, uno che di televisione ne sa più di tutti, cosa significa per un programma appena partito. Se loro ci fermano vuol dire ricominciare daccapo quando torneremo in onda".
E rilancia la proposta di questa estate: fatte le 12-13 puntate fino a dicembre, il contratto tra Santoro e la Rai può essere discusso ed annullato, dietro pagamento di una solida buonuscita, come avviene sempre in questi casi. Così la Rai si libera del giornalista e quest'ultimo è libero di guardarsi in giro. E considerando che parliamo di un ottimo anchor-man, tra web e TV (non dimentichiamo che La7 potrebbe farci un pensierino, anche se è difficile che Berlusconi gli permetta di entrare lì e l'omologo di Masi nella Tv guidata da Telecom Italia Media è un fedelissimo di Berlusconi, Piero Vigorelli) sarà facile che possa costruire un nuovo programma. A cui non mancherebbero sponsor: chi arriva al 20% di Auditel trova gli sponsor dietro ogni angolo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati