Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sapri, investe i militari a un posto di blocco: arrestato


Sapri, investe i militari a un posto di blocco: arrestato
16/01/2011, 13:01

Il 16 gennaio 2011, alle ore 02,00 circa, a Sapri (SA), personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Sapri (agli ordini del Luogotenente Giuseppe RESCINITI) ha tratto in arresto un venticinquenne, D. M. V., residente a Villammare, frazione di Vibonati (SA), celibe, pescatore, pregiudicato, poiché responsabile di resistenza a pubblico ufficiale e lesione personale aggravata, poste in essere al fine di guadagnarsi l’impunità dal reato di illecita detenzione di stupefacente. Gli uomini della Benemerita, effettivi al Nucleo Operativo, alle ore 23,00 circa, del 15.01.2011, sulla S.S. 517, all’altezza dello svincolo per Sicilì, frazione di Morigerati (SA), nel corso di un pianificato e prolungato servizio, finalizzato alla repressione di illeciti in materia di stupefacente, intercettavano l’arrestato, alla guida di un’autovettura “Fiat Punto”, con a bordo altri tre giovani, del posto, poi identificati e risultati essere estranei a qualsiasi addebito. A seguito di intimazione dell’alt, D. M. V., dapprima arrestava la marcia della predetta autovettura, per poi darsi a improvvisa, precipitosa e repentina fuga, cercando di investire i due militari operanti, i quali in posizione di sicurezza e con sprezzo del pericolo, tentavano, senza successo, di opporvisi, a mezzo di apertura delle portiere anteriori, che erano però bloccate, al fine di favorirne la discesa dall’auto. Nel medesimo contesto operativo, i militari operanti riuscivano però a recuperare un involucro in plastica, del quale il giovane pusher aveva cercato di disfarsene nel corso della fuga, con all’interno otto capsule di plastica, contenenti eroina, per un peso lordo di dieci grammi circa - poi poste sotto sequestro. A seguito di pianificate ed articolate operazioni di ricerca, estese su tutto il territorio della Compagnia Carabinieri di Sapri, coordinate dalla Centrale Operativa, D. M. V., alla guida del sopra menzionato autoveicolo, veniva bloccato nel centro abitato di Vibonati (SA), alle successive ore 23.50 circa, da un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile. Nell’occorso, i due militari interessati dal tentativo di investimento, venivano prontamente soccorsi da altri Carabinieri, e trasportati per le cure del caso, presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile di Sapri, dove venivano riscontrati affetti da: “traumi contusivi in varie parti del corpo, escoriazioni e contusioni multiple”, e giudicati guaribili, rispettivamente in giorni 10 e 15 s.c., rifiutando il ricovero. Espletate le formalità di rito, su disposizione del Dott. Michele SESSA, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Sala Consilina, l’arrestato veniva tradotto presso la Casa Circondariale dell’omonimo comune, in attesa della celebrazione del processo con rito direttissimo.
Al predetto arrestato, veniva anche contestato il reato di guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, a norma dell’art. 187 del Codice della Strada, a seguito di sottoposizione ad accertamenti medico – specialistici, chiaramente con esito positivo, finalizzati alla verifica del tasso alcolemico e tossicologico nel sangue. Nella circostanza, la patente veniva ritirata e l’autoveicolo veniva posto sotto sequestro.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©