Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La 15enne di Avetrana fu uccisa e gettata in un pozzo

Sarah, pm chiedono processo per 13 indagati


Sarah, pm chiedono processo per 13 indagati
29/07/2011, 20:07

TARANTO –  I pubblici ministeri, Pietro Argentino e Mariano Buccoliero, hanno depositato alla cancelleria del gup Pompeo Carriere la richiesta di rinvio a giudizio per 13 dei 15 indagati del caso Sarah Scazzi. Il primo luglio scorso,  a questi ultimi era stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari, nell'ambito dell'inchiesta sull'omicidio della 15enne di Avetrana uccisa e gettata in un pozzo il 26 agosto 2010.

E, in attesa della definizione del processo principale, è stato sospeso il procedimento nei confronti del fioraio Giovanni Buccolieri e del suo amico Michele Galasso, che rispondono di false informazioni al pm. Sono, invece,  rimasti invariati i restanti capi d'imputazione rispetto all'avviso di conclusione delle indagini preliminari. Sabrina Misseri e sua madre, Cosima Serrano, rispondono di concorso in omicidio, in sequestro di persona e in soppressione di cadavere; Michele Misseri, di soppressione di cadavere in concorso con la moglie Cosima e la figlia Sabrina, il fratello Carmine Misseri e il nipote Cosimo Cosma. L’udienza preliminare potrebbe tenersi tra il 29 agosto e il 5 settembre prossimi.

Fra i 13 indagati, per i quali la Procura di Taranto ha chiesto il processo ci sono anche quattro avvocati: tre tarantini e uno romano, ai quali già era stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari. Vito Junior Russo, già difensore di Sabrina Misseri, è accusato di favoreggiamento personale, di intralcio alla giustizia e di soppressione di atti veri. A Emilia Velletri, moglie di Russo anche lei ex difensore di Sabrina, viene contestata la soppressione di atti insieme al marito, mentre l'avvocato Gianluca Mongelli è incolpato di favoreggiamento personale insieme a Russo. L'avvocato romano Francesco De Cristofaro, ex difensore di Michele Misseri, è imputato di infedele patrocinio.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©