Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Autorizzata la costruzione di bungalow e villini

Sardegna: legge ad hoc per ingrandire Villa Certosa


Sardegna: legge ad hoc per ingrandire Villa Certosa
26/07/2010, 09:07

CAGLIARI - Doveva essere il piano casa per la gente, per poter costruire la stanza in più per il bambino in arrivo. E invece la giunta Cappellacci, che guida la Sardegna, l'ha trasformata nell'ennesima legge ad personam per il Presidente del Consiglio. Così è stato abolito il vincolo paesaggistico che proibiva l'edificabilità nella zona vicino al mare ed è stata autorizzata la costruzione di edifici entro i 300 metri dalla battigia. E il primo ad approfittarne è stato proprio Silvio Berlusconi che ha presentato, tramite la sua immobiliare Hydra, una proposta per la costruzione di diversi bungalow, vista mare, all'interno di Villa Certosa. Proposta che è stata immediatamente accettata senza discussioni dalla Commissione paesaggistica regionale, come era facilmente prevedibile.
La notizia ha provocato reazioni negative dei Verdi e di Italia dei Valori. Con i primi che hanno contestato l'impatto ambientale che l'operazione edilizia avrà: "Il progetto presentato per Villa Certosa è assolutamente insufficiente e per niente dettagliato, per quel che ne sappiamo. Inoltre, la normativa sul paesaggio in Sardegna vieterebbe anche solo la costruzione di un metro cubo sulle coste". E poi hanno annunciato ricorso al Tar contro il provvedimento, "per chiedere che venga annullata l'autorizzazione paesaggistica rilasciata al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per l'ampliamento di Villa Certosa e la costruzione di numerosi bungalow".
Anche Italia dei Valori si è espressa, tramite il deputato e capogruppo alla Camera, Massimo Donadi: "Alla vergogna non c'è mai limite. Berlusconi ha ottenuto il via libera per la costruzione di alcuni bungalow a Villa Certosa grazie a un piano casa regionale del suo fidato governatore Castellacci. A quanto pare le richieste sono state poco più di 20 e tutte da hotel, villaggi turistici o ville private. A cosa serve la costruzione di bungalow in una villa già enorme e che ha già usufruito in passato di costruzioni abusive coperte poi dal segreto di stato? E, soprattutto, il piano casa non era stato progettato per avere una stanza in più per i figli? Ancora una volta demagogia e propaganda nascondevano un'altra verità. Berlusconi aveva bisogno di una nuova legge ad personam, e questa volta se l'è fatta fare dalla regione Sardegna".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©