Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Strada provinciale non verrà riaperta

Sardegna, sei indagati per il ponte crollato a novembre


Sardegna, sei indagati per il ponte crollato a novembre
16/01/2014, 18:29

Il crollo del ponte di Monte Pino, nel quale – durante l’alluvione del 18 novembre – morirono 3 persone ora vede sei persone indagate che – come rende noto il pubblico ministero Riccardo Rossi – dovranno rispondere di disastro colposo, omicidio colposo e lesioni.
Il pm ha spiegato che gli iscritti nel registro degli indagati "avevano incarichi tecnici". Nei loro confronti non sono state comminate misure cautelari ma interdittive: "Ma potremo prendere provvedimenti per impedire che ripetano fatti simili", ha aggiunto il magistrato.
"La strada è talmente 'ammalorata' che dovrà esser riprogettata e ricostruita in maniera totalmente diversa". Lo ha detto Riccardo Rossi rendendo così noto che la strada provinciale che collega Olbia-Tempio, nel tratto di Monte Pinu che – lo ricordiamo – ha causato la morte di tre persone, non verrà riaperta.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©