Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Savio: "fermare la privatizzazione della Caremar"


Savio: 'fermare la privatizzazione della Caremar'
19/02/2013, 11:48

Trofa Continua senza sosta la campagna elettorale del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista e del capolista al Senato Domenico Savio che in queste ore ha fatto tappa a Napoli dove, sul porto del Molo Beverello, i simpatizzanti del PCIML hanno distribuito materiale di propaganda elettorale tra i pendolari e gli utenti del mare. Domenico Savio, che da sempre si batte per il diritto alla mobilità e alla continuità territoriale dei residenti delle Isole del Golfo, ha duramente attaccato i partiti responsabili della sciagurata privatizzazione della Caremar. “E’ una sciagura sociale contro la quale non risparmieremo iniziative affinché questa privatizzazione possa essere fermata” ha esordito. “Naturalmente - ha continuato Savio - ci battiamo anche per il mantenimento dei posti di lavoro nel trasporto marittimo pubblico e contro l’abolizione della Cassa Marittima dei lavoratori del mare e affinché il costo dei biglietti non sia più esoso e questo per garantire la continuità territoriale alle popolazioni delle Isole del Golfo di Napoli”. Ma l’attacco frontale più duro, Domenico Savio l’ha riservato al candidato del PDL Domenico De Siano presidente della IV Commissione trasporti della regione Campania. “Domenico De Siano, col suo centrodestra e col sostegno del centrosinistra si sono venduta la Caremar e oggi portano avanti il completamento di questa scellerata iniziativa politica. E tutto questo mentre anche un fratello del Consigliere regionale Domenico De Siano, così come abbiamo appreso dalla stampa, con una cordata di armatori privati ha chiesto di partecipare all’acquisto della Caremar che il Consiglio regionale, la Giunta regionale hanno voluto vergognosamente privatizzare. Dunque si vogliono difendere gli interessi degli investitori privati contro i diritti e gli interessi delle popolazioni del Golfo partenopeo e della classe lavoratrice”. Savio ha poi concluso il suo intervento chiedendo ai lavoratori di votare per il PCIML: “Contro questa politica degli affari, contro questa politica della speculazione, contro questa politica che aggredisce e colpisce i diritti dei cittadini, il Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista è fermamente impegnato a portare avanti, oggi e domani, una durissima battaglia sociale a difesa dei diritti e degli interessi del mondo del lavoro. Ed è per questo che chiediamo il consenso elettorale delle lavoratrici e dei lavoratori della regione Campania i quali se vogliono esprimere un voto di classe e rivoluzionario non possono che votare il P.C.I.M-L.”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©