Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Scafati (Sa): 2 latitanti di spicco della camorra di ercolano catturati dai carabinieri


Scafati (Sa): 2 latitanti di spicco della camorra di ercolano catturati dai carabinieri
25/01/2012, 09:01

All’alba di oggi, a Scafati (sa), i carabinieri della compagnia di torre del greco con il supportoi di colleghi della locale tenenza dopo prolungate indagini hanno catturato 2 elementi di spicco della camorra di ercolano che si erano dati alla macchia per sfuggire all’espiazione di pesanti pene detentive. Manette strette ai polsi per francesco e marco durantini, 37 e 45 anni, fratelli, già noti alle ffoo e sorvegliati speciali di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno a ercolano, ritenuti elementi di spicco del clan camorristico degli “iacomino-birra” operante a ercolano per il controllo degli affari illeciti. i 2 avevano fatto perdere le loro tracce il 21 ottobre 2011 violando prescrizioni e obblighi della sorveglianza speciale ed erano stati dichiarati latitanti il 15 dicembre 2011 e il 12 gennaio 2012 dopo l’emissione di 2 ordini di carcerazione per l’espiazione di 14 e 21 anni di reclusione, pene loro inflitte per associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti questa mattina sono stati catturati il primo in una casa all’interno di un complesso di edilizia popolare e il secondo in una specie di stanza ricavata in un garage alla quale si accedeva da una porta blindata. durante le fasi degli arresti i 2 non hanno opposto resistenza ne cercato di darsi alla fuga, lasciandosi semplicemente ammanettare. subito dopo sono stati tratti in arresto giovanni casapullo, 50 anni, già noto alle ffoo, rosaria de crescenzo, 48 anni, moglie di casapullo e pasqualina durantino, 47 anni, il primo e l’ultima già noti alle ffoo, che avevano aiutato i 2 ricercati facendoli alloggiare nelle citate sistemazioni che erano state da loro prese in fitto per favorire la latitanta dei soggetti. gli arrestati, tranne pasqualina durantino che e’ agli arresti domiciliari, sono stati tradotti nella casa circondariale di fuorni (sa).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©