Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Scampia, 3 arresti per sequestro di persona


Scampia, 3 arresti per sequestro di persona
19/03/2012, 11:03

Due giovani del quartiere Secondigliano, di 19 e 21 anni, sono stati sequestrati, nella tarda serata di ieri, da una banda di coetanei del quartiere Scampia. I due, assuntori di marijuana, si erano recati nel vicino quartiere per acquistare una dose di stupefacente quando, giunti nel lotto P, meglio conosciuto come le “Case dei Puffi”, sono stati avvicinati da tre individui che, di peso, li hanno prelevati legandogli i polsi e le caviglie con del nastro isolante, conducendoli all’interno della loro auto, una Ford Fiesta. Gli agenti della sezione “Volanti” dell’U.P.G., nel corso dei servizi di prevenzione e controllo del territorio, hanno intercettato in Viale della Resistenza l’autovettura che, alla loro vista, ha invertito il senso di marcia. Insospettitisi di tale comportamento, i poliziotti hanno deciso di fermare l’autovettura, per procedere ad un controllo dei 5 occupanti. Dopo un breve inseguimento, l’autovettura è stata bloccata e, dalla porta posteriore della stessa, è disceso un giovane in evidente stato di agitazione. I poliziotti, avvicinatisi all’auto, hanno invitato a scendere gli occupanti, tra i quali l’altro giovane rimasto vittima di rapimento. Con l’ausilio degli agenti di servizio di volante al Commissariato di Polizia Scampia, sono stati identificati ed arrestati S.S., appena 18enne, S.P., pregiudicato di 22 anni e U.R., pregiudicato di 29 anni, perché responsabili, in concorso tra loro, di sequestro di persona. All’interno dell’autovettura è stato rinvenuto il nastro isolante utilizzato per legare i polsi e le caviglie delle due vittime, che hanno riportato entrambi contusioni ed edema diffuso ai polsi, guaribili in 7 giorni. Provvidenziale è stato l’intervento degli agenti dell’U.P.G. che ha scongiurato conseguenze ben più gravi per le due vittime. I poliziotti hanno condotto i tre arrestati al carcere di Poggioreale. L’autovettura Ford Fiesta è stata sequestrata ed il conducente, S.S., è stato anche denunciato in quanto privo di patente di guida, perché mai conseguita. Dopo gli episodi criminosi, avvenuti a seguito della faida tra clan dei cosiddetti Scissionisti e degli appartenenti al Clan Di Lauro, non si esclude che, alla base del rapimento con il conseguente sequestro di persona, possano esserci motivi legati proprio all’appartenenza delle vittime al quartiere Secondigliano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©