Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Arrestate tre persone trovate in fragranza di reato

Scampia, sequestrato distributore di droga con telecomando


Scampia, sequestrato distributore di droga con telecomando
18/01/2010, 18:01

NAPOLI - Il rapido ed efficace blitz della polizia è avvenuto quest'oggi nelle "case dei Puffi" di Viale della Resistenza ed ha portato al sequestro di 9 chili e mezzo di droga (già confezionata in 10.000 dosi) e all'aresto in fragrante di tre persone. La particolarità dell'operazione è consistita nel ritrovamento di uno speciale "distributore di droga" che veniva azionato con un telecomando e che si trovava nel controsoffitto di un locale abbandonato. Grazie ad un impulso elettrico, veniva azionata una sorta di carrucola in grado a sua volta di muovere un cestello all'interno del quale si trovavano di volta in volta le dosi richieste.
Lo stratagemma era sicuramente sofisticato ed ingegnoso ma non ha impedito alla questura di avere successo delle indagini. Coinvolti nell'operazione anche gli agenti del commissariato di Scampia, quelli del reparto mobile e del reparto prevenzione crimine Campania. Prezioso anche l'aiuto garantito dalle unità cinofile dell`ufficio prevenzione generale, dalla sezione elicotteristi del sesto reparto volo della polizia di stato e dalla sezione tagliatori dei vigili del fuoco.
I tre spacciatori arrestati risultano tutti molto giovani: Raffaele M., Andrea B. (21 anni) e Lorenzo B. (di 22) e sono stati ritrovati in possesso di diversi cilindretti di droga.
I tre si trovavano all'interno del Lotto P. di una delle cosiddette "Case dei puffi" ed erano ben protetti da un selva di cancellate abusive serrate con catene e lucchetti.
I tagliatori dei vigili del fuoco hanno però celermente provveduto a liberare la strada alle forze dell'ordine con gli opportuni strumenti in dotazione. In contemporanea, un elicottero sorvolava lo stabile per evitare eventuali fughe dal retro. L'azione della polizia è stata così fulminea da non lasciare ai ragazzi nemmeno il tempo di liberarsi delle dose che avevo in dosso e del telecomando che permettevva il funzionamento del particolare distributore.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©