Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Scampia: sicurezza partecipata e municipalità


Scampia: sicurezza partecipata e municipalità
25/09/2012, 18:58

NAPOLI - Si è svolta questa mattina, in occasione del Consiglio Generale Siulp provinciale, presso l’Auditorium di Scampia, sito in Viale della Resistenza, la tavola rotonda “Scampia:  sicurezza partecipata e municipalità per lo sviluppo e la legalità”, in cui forze dell’ordine e Ottava Municipalità si sono confrontanti sul tema della sicurezza e sulle azioni da svolgere sul territorio. All’evento hanno partecipato il presidente della Municipalità Angelo Pisani, Vincenzo Annunziata, Segretario Generale Provinciale Siulp, Giampiero Tibaldi, Segretario Generale Provinciale Cisl , Roberto Gentile, Procuratore Capo c/o Procura Minori di Napoli, Dott. Alessandro Pennasilico, DDa Napoli, Luigi Merolla, Questore di Napoli,   Giandomenico Lepore, Presidente dell’osservatorio per la legalità di Scampia e Napoli Nord, Mariarosaria Cetroni, Dirigente scolastico “Elsa Morante” Polifunzionale Scampia, Geppino Fiorenza, Presidente associazione Libera, e Felice Romano, Segretario Generale Nazionale Siulp. “Azioni in sinergia tra Municipalità e forze dell’ordine per Scampia e Napoli Nord, per rafforzare la sicurezza e la legalità – ha affermato il presidente Pisani a margine dell’ incontro -. I problemi del territorio e l’emergenza criminalità vanno affrontati con impegno, interazione e presenza nel quartiere e nell’area a nord di Napoli costante e continuativa. Non sono sufficienti gli esemplari blitz di queste ultime settimane, è necessario agire compatti con le istituzioni, interagendo con la Municipalità, perchè le passerelle politiche non servono proprio a nulla. Bisogna smettere di far vivere la gente e i bambini in cattività soprattutto nelle Vele e nei locali fronte strada, che da negozi sono stati trasformati abusivamente in case inagibili. La Municipalità ha un ruolo fondamentale nella diffusione dei valori della legalità e della civiltà che portano sviluppo e socialità, necessarie per la riqualificazione del territorio e per la tutela dei giovani, e come tale si espone in prima linea con le forze dell’ordine nella lotta contro la criminalità e l'illegalità”. Il presidente Pisani ha inoltre proposto di istituire un numero unico per le forze dell’ordine “affinchè i cittadini non trovino ostacoli e perdite di tempo quando chiedono sicurezza”. 

 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©