Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Scandalo munnezza. Portogallo trema per le ecoballe campane


Scandalo munnezza. Portogallo trema per le ecoballe campane
03/12/2016, 16:56

I rifiuti della Campania non sono a norma. È questa la voce che gira in Portogallo e che potrebbe recare danni seri allo smaltimento delle ecoballe campane. Un problema che è già arrivato a Bruxelles secondo la stampa portoghese che in questi giorni ha diramato la notizia. Inutile dire che di questa scomoda verità alla vigilia del referendum costituzionale nessuno ne parli. I rifiuti non solo puzzano come ovviamente ci aspettiamo che facciano, ma sono fuorilegge non solo per quanto concerne la normativa portoghese bensì anche quella comunitaria. Un affare da decine di milioni all'anno per lo stato ad ovest dell'Europa che prevede lo smaltimento delle sei milioni di tonnellate di munnezza campana che sembrano sprovviste di CITRI anche se la cosa più agghiacciante è che la società portoghese incaricata di dover recepire le ecoballe pare sia associata alla Mafia che tradotta in lingua nostrana sarebbe a camorr . Il Portogallo ha paura perché quanto incamerato fino ad oggi sono rifiuti solidi urbani mentre nel vero si tratterebbe di rifiuti speciali che impuzzolentiscono l'aria di aria malsana già da qualche mese ed il ministero dell'ambiente ha già provveduto ad effettuare i controlli necessari che hanno evidenziato una concentrazione di carbonio organico superiore alla percentuale secca nascosta abilmente dalla società in odor di mafia con sede a Setubal. Il governo portoghese ha messo in quarantena i rifiuti campani ed ha preso atto dell'avviso della comunità europea che descrive i rifiuti campani  pericolosissimi. Una partita che inizia ad alimentare sospetti in Europa e che rende ancora più impossibile lo smaltimento delle ecoballe nostrane con l'aiuto dei partner commerciali istituzionali che non sono certamente simili a quelli con cui stato, imprese e privati italiani erano soliti avere prima della scoperta dei rifiuti tossici della Terra dei Fuochi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©