Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

La bavarese “focosa” lo costringe a chiamare la polizia

Scappa sul balcone per sfuggire alla furia libidinosa dell’amante occasionale


Scappa sul balcone per sfuggire alla furia libidinosa dell’amante occasionale
13/04/2012, 16:04

Probabilmente nell’apprendere questa notizia non saranno pochi gli uomini che mediteranno sulla possibilità di una breve vacanza in Germania. E si, perché quanto avvenuto a Monaco di Baviera è un episodio che non può che rincarare la dose del “mito della donna straniera”, per definizione degli stessi uomini italiani, meno inibita, meno repressa e soprattutto, meno ossessionata dalla carriera. Il protagonista di questa curiosa vicenda è un 43enne della città di Monaco, per l'appunto che, dopo aver conosciuto una donna in un locale, ha accettato il suo invito a proseguire la serata a casa di lei. Una volta a destinazione non c’è stato alcun bisogno si rompere il ghiaccio o di uscire dall’imbarazzo. Visto il feeling, senza alcun indugio i due si generosamente dati a pratiche erotico-sessuali che hanno evidentemente acceso le fantasie libidinose della donna. Le richieste della infuocata 47enne devono essersi fatte però a un certo punto insostenibili, se l’occasionale partner, ormai ridotto allo sfinimento fisiologico dopo un certo numero di amplessi, ha pensato di svincolarsi dalle sue oppressive richieste sessuali rifugiandosi addirittura sul balcone! Qui, cellulare alla mano, l’uomo ha contattato le forze dell’ordine perché accorressero sul posto e lo aiutassero a contenere in qualche misura l’insaziabile appetito sessuale della signora. Che sia vittima di una passione furiosa o di una irrefrenabile eccitazione sessuale, la vogliosa protagonista dell’accaduto, che pare abbia fatto lussuriose avances agli stessi poliziotti sopraggiunti in casa proprio allo scopo di placare i suoi istinti carnali, dovrà adesso rispondere delle accuse di sequestro di persona ed atti di libidine violenta. Se qualcuno si fosse convinto a partire alla  volta della Baviera, non possiamo che augurare buon viaggio!

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©