Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pene ridotte rispetto al primo grado

Schicchi ed Eva Henger condannati in appello per prostituzione


Schicchi ed Eva Henger condannati in appello per prostituzione
23/06/2010, 17:06

ROMA - Riccardo Schicchi ed Eva Henger sono stati condannati, presso la Corte di Appello di Roma, per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, rispettivamente a 4 anni il primo e a 2 anni e 2 mesi la seconda. La Corte ha accolto la tesi accusatoria che i due avessero organizzato un giro di prostitute, facendo venire in Italia ragazze extracomunitarie (soprattutto dall'est Europa) in barba alla Bossi-Fini proprio per questo. In primo grado era stato contestato anche il reato di associazione a delinquere con ignoti e così le pene erano state più alte: 6 anni per Schicchi e 4 anni e mezzo per la Henger. In secondo grado, però, l'accusa dell'associazione a delinquere è caduta e così le pene si sono fortemente ridotte.
Ora c'è il pericolo che il manager del porno finisca realmente in galera, a meno che non è nelle condizioni di usufruire anche lui dell'indulto del 2007 approvato dal Parlamento italiano. Mentre per la Henger non ci sono problemi: male che le vada, potrà chiedere l'affidamento agli assistenti sociali. Naturalmente resta aperta per entrambi la possibilità di ricorrere in Cassazione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©