Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sciopero pubblico impiego: migliaia in piazza


Sciopero pubblico impiego: migliaia in piazza
19/12/2011, 20:12

Protesta degli impiegati della pubblica amministrazione contro la manovra correttiva imposta dal Governo. Questa mattina i lavoratori sono scesi in piazza per chiedere una modifica alla manovra, i sindacati parlano di un’adesione molto ampia a questo sciopero anche se il ministero della Funzione pubblica ha diffuso dati poco superiori all'8,7%, insomma la solita guerra dei numeri che segue una manifestazione di dissenso da parte del cittadino e che trova discordanti i dati degli organizzatori con i destinatari della protesta. Essendo quello del pubblico impiego un settore che abbraccia molte categorie , i disagi apportati sono stati diversi, i maggiori nella sanità dove sono state spostate le visite specialistiche, anche se sono stati garantiti tutti gli interventi urgenti e non sono mancati i servizi essenziali come gli interventi dei vigili urbani.
Disagi ci sono stati nei servizi non urgenti (richiesta di certificati ecc) mentre nella scuola si sono limitati al minimo dato che lo sciopero è stato di una sola ora. In piazza insieme ai lavoratori i leader di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti che parlano di provvedimenti non giusti , che mancano di equità e che si tratta di una manovra che non è sopportabile per i lavoratori, ed i pensionati e chi fa fatica ad arrivare a fine mese.
In coro i segretari generali Fp-Cgil, Rossana Dettori, Cisl-Fp Giovanni Faverin Uil-Fpl, Giovanni Torluccio (Uil-Fpl) e Uil-Pa, Benedetto Attili (Uil-Pa) hanno chiesto al Governo di prendere atto dello sciopero  «correggendo la manovra nel segno dell'equità e aprendo un tavolo di confronto sui temi del lavoro pubblico, dalla contrattazione nazionale e decentrata alla riorganizzazione degli enti, dalla previdenza ai servizi pubblici locali».

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©