Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Milano la più penalizzata

Sciopero trasporti, caos nelle grandi città


Sciopero trasporti, caos nelle grandi città
16/12/2013, 11:44

ROMA – Non potevano scegliere momento peggiore (o migliore, dipende dai punti di vista). Lo sciopero di quattro ore, indetto per la giornata di oggi, del trasporto pubblico locale indetto da Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Faisa Cisal nell'ambito della vertenza per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro sta portando grandissimi disagi in tutte le città italiane e creando situazioni critiche in un periodo di grande mobilità come quello pre-natalizio.

Milano è la città più colpita da questo sciopero iniziato alle 8,45: il servizio delle linee metropolitane M1-M2-M3 ed M5 è stato gradualmente sospeso fino alla cessazione del servizio; i mezzi in superficie sono pochissimi ed affollarti; le strade completamente bloccate.

Non va meglio a Roma dove la protesta coinvolge Atac, Roma Tpl e Cotral, con conseguenti ripercussioni sul traffico non solo cittadino ma anche in periferia. In compenso linee della metropolitana sono entrambe aperte, così come le zone a traffico limitato.

Gli autisti dei bus dei comparti di Bologna e Ferrara si fermeranno dalle 10 alle 14. Il personale ferroviario si fermerà invece dalle 9 alle 13.

Diversa la scelta di Firenze e provincia: qui il trasporto pubblico si ferma dalle 17 alle 21.

Napoli completamente fermo il servizio delle aziende del gruppo Eav, ovvero Circumvesuviana, Sepsa e Metrocampania. Regolare, invece, il servizio garantito dalle linea 1 della metropolitana e l'apertura della linea 2. Problemi invece per chi si muove con gli autobus.

Commenta Stampa
di Elisa Manacorda
Riproduzione riservata ©