Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Presidio a Palazzo San Giacomo, aperto tavolo tecnico

Scongiurato lo sgombero del Gridas, Comune subentrerà a Iacp


Scongiurato lo sgombero del Gridas, Comune subentrerà a Iacp
29/06/2010, 17:06

NAPOLI - Lo sgombero non ci sarà. Per il Gridas, “Gruppo risveglio dal sonno”, Comune di Napoli e Iacp studiano nuove soluzioni per scongiurare che circa 30 anni di storia dell’arte e di lotte sociali vengano cancellati con un colpo di spugna. Il presidente dell’ente per l’edilizia popolare Acampora, e Palazzo San Giacomo, attraverso l’assessore D’Aponte, hanno aperto un tavolo tecnico per trovare una sistemazione all’associazione artistica-culturale nata nel 1981 dall’impegno dell’artista Felice Pignataro e di Mirella La Magna. Il fabbricato di via Monterosa, nel quartiere Scampia, entrato nel mirino dello Iacp perché le condotte all’interno dello stabile sono state definite “illegali”, potrebbe passare a breve nelle mani del Comune di Napoli, il quale garantirebbe poi al Gridas di continuare ad operare nella periferia nord.
Promotore del Carnevale di quartiere che va avanti all'ombra delle Vele da 28 anni, e schierato in prima linea per il supporto creativo e culturale dato a tutte le realtà in lotta per il rispetto dei diritti dei più deboli, il gruppo dal marzo 2004, con la morte di Felice Pignataro, ha continuato a rappresentare un punto di riferimento per numerose realtà che operano a Scampia e in altre parti di Napoli. Nonostante le richieste inoltrate dal 1991, ed anche successivamente alla scomparsa dell'artista Pignataro, per legalizzare la posizione degli occupanti, il gruppo la settimana scorsa ha ricevuto l'ingiunzione di sfratto dal fabbricato, scatenando non poche polemiche contro i vertici dell'istituto ed il Comune di Napoli. Secondo il presidente Iacp Acampora infatti il Gridas avrebbe favorito all'interno dello stabile alcuni comportamenti illeciti portati avanti da vere e proprie bande di giovani. Circa duecento persone stamattina hanno partecipato al presidio davanti a Palazzo San Giacomo per sostenere il gruppo di Scampia, mentre una delegazione si è incontrata con l'assessore al Patrimonio D’Aponte e con il presidente dello Iacp. “L’incontro per il momento è andato bene – rendono noto dal Gridas – E' stato annunciato che ogni procedura di sgombero è bloccata e che si avvia un percorso tra Comune e Iacp che dovrebbe avere come conclusione il passaggio dell'immobile alla gestione comunale, in modo da riconoscere e garantire pubblicamente anche per il futuro le attività sociali che vi sono attualmente svolte. In tal senso è stata promessa a breve la convocazione di un tavolo tecnico”.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©