Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Nel bacino di Mekong trovato il pipistrello "Belzebù"

Scoperte 126 specie extraterrestri in Indocina

Pesce gatto dotato di zampe e una vipere con occhi rubino

Scoperte 126 specie extraterrestri in Indocina
18/12/2012, 18:28

ROMA - Il pipistrello Belzebù, che deve il nome al suo aspetto “diabolico”, il pesce gatto dotato di “zampe”, la vipera verde dagli occhi color rubino e la rana che canta come un uccello. Sono solo alcune delle 126 specie identificate per la prima volta dagli scienziati nella regione del fiume Mekong, in Indocina, nel 2011, e descritte ora nel dossier del Wwf “Extra Terrestri”. Il pipistrello Belzebù vive nella foresta tropicale e la rana canterina abita nelle foreste d'alta quota del nord del Vietnam, mentre le acque fluviali danno asilo alla carpa perlacea e completamente cieca, al pesciolino in miniatura lungo appena due centimetri e al pesce gatto con le pinne pettorali che possono fungere da zampe e gli consentono di muoversi sulla terra. I loro habitat, però, sono a rischio. “Mentre le scoperte confermano come questa regione sia straordinariamente ricca di biodiversità, molte di queste nuove specie stanno già lottando per sopravvivere”, spiega Massimiliano Rocco, responsabile del Programma specie del Wwf Italia. “Tutto questo può essere fermato - prosegue Rocco - solo se i governi interessati comprendono come la loro crescita sia possibile investendo nella conservazione di quella natura selvaggia di cui sono ancora ricchi, e soprattutto se si adoperano per lo sviluppo di una adeguata rete di aree protette e di una green economy che consenta di valorizzare quel patrimonio invece di dissiparlo”.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©