Cronaca / Droga

Commenta Stampa

L’operazione a Giugliano, dopo i sequestri di ieri

Scoperti 300 chili di hashish in una base degli Scissionisti


Scoperti 300 chili di hashish in una base degli Scissionisti
01/09/2009, 18:09

Sono passate soltanto poche ore dal sequestro di circa 400 chilogrammi di stupefacenti e di 250mila euro in contanti, che le forze dell’ordine assestano un altro duro colpo alla malavita organizzata. I carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna hanno fatto irruzione in un garage di Giugliano in Campania, nel Napoletano, dove hanno rinvenuto un altro dei depositi ai quali attingono i clan per rifornire gli spacciatori. Dietro una finta parete, protetta da un sistema idraulico azionato da telecomando, c’era la droga: ben 300 chilogrammi di hashish, suddiviso in panetti. I militari hanno individuato ed arrestato Vincenzo Sarni., proprietario del garage, un muratore 34enne napoletano, incensurato.
Sempre a Giugliano i carabinieri hanno rinvenuto mezzo chilogrammo di cocaina oltre a sostanze utilizzate per il taglio della droga. In manette un 34 incensurato, Carmine Fusco, titolare di un negozio di articoli sportivi.
Le indagini portano a ritenere che la droga sequestrata fosse nelle disponibilità dei cosiddetti Scissionisti, ovvero il clan Amato-Pagano che, alcuni anni fa, si ribellò al predominio dei Di Lauro dando inizio alla sanguinosa Faida di Scampia. Il garage, ritengono i carabinieri, era una delle basi degli Scissionisti e fungeva come punto di riferimento per le piazze di spaccio di Scampia.
Soltanto ieri i carabinieri avevano assicurato alla giustizia 7 persone, tutte incensurate, scelte da clan come custodi di soldi e droga in quanto ritenuti insospettabili; nella maxioperazione, svolta tra Scampia e Mugnano, erano finiti sotto sequestro 400 chilogrammi di stupefacenti di vario tipo, oltre 250mila euro in contanti (conservati nella cosiddetta ‘cassa continua’ della camorra), una coltivazione di cocaina a Mugnano e diverse pistole.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©