Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Diversi feriti ed ingenti danni

Scossa di terremoto nel Nord Italia, morti in Emilia Romagna


Scossa di terremoto nel Nord Italia, morti in Emilia Romagna
20/05/2012, 09:05

BOLOGNA –  Forte scossa di terremoto, all’alba di questa mattina, è stata avvertita nel Nord Italia. Particolarmente colpita l'Emilia Romagna, dove il bilancio,  ancora provvisorio  e di diverse morti . Le vittime in Emilia-Romagna, si sono verificate  in provincia di Ferrara: due a Sant'Agostino,  durante il crollo di una fabbrica di ceramica, e una a Ponte Rodoni di Bondeno, dove e' caduto il capannone di un'azienda a ciclo continuo di polistirolo espanso.
Una donna di 37 anni, invece,  e' morta a Sant'Alberto di San Pietro in Casale, nel Bolognese, probabilmente a causa di un malore provocato dallo spavento riportato durante il sisma. Lo ha riferito il Comando provinciale dei carabinieri di Bologna. I militari precisano che i sanitari intervenuti non hanno potuto pero' ancora stabilire definitivamente la causa del decesso.
Si registrano danni a San Felice, dove e' crollata la chiesa e vengono segnalate gravi lesioni a molti edifici storici tra cui il municipio, e a Finale Emilia, dove per precauzione e' stato evacuato l'ospedale. Evacuati a scopo precauzionale i pazienti più  gravi e i neonati anche dall'ospedale di Mirandola. Ingenti danni anche nel Ferrarese, dove sono stati segnalati alle forze dell'ordine e alla Protezione civile numerosi crolli di edifici storici e case coloniche e danni in provincia di Modena, dove sono segnalati diversi crolli.
La scossa e' stata registrata dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 4.04, seguita da due repliche di intensita' minore: una di 3.3 alle 5.35 e un'altra di 2.9 alle 5.44.
L'epicentro nella pianura padana emiliana, a una decina di chilometri di profondita' dal suolo, sempre nella stessa zona, in provincia di Modena, dove secondo le forze dell'ordine si registrano una cinquantina di feriti non gravi.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©