Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Domani scuole medie, 16 maggio superiori

Scuola: Partito lo sciopero Cobas contro quiz Invalsi

"Non trasformeranno i docenti in addestratori di quiz"

Scuola: Partito lo sciopero Cobas contro quiz Invalsi
09/05/2012, 17:05

Sono approdati oggi nelle scuole i test Invalsi per la valutazione del sistema scolastico, quiz che coinvolgono oltre 2 milioni di studenti.
 Le prove messe a punto dall'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo oggi sono state somministrate agli studenti delle scuole elementari, il 10 toccherà alle medie e il 16 alle superiori.
Con l'inizio dei test è partito anche il boicottaggio dei sindacati.
- ''Un successo il primo giorno di sciopero contro i 'demenziali e distruttivi' quiz Invalsi''. E' il soddisfatto commento dei Cobas che hanno indetto la protesta, confermando la ''replica'' per domani alle medie e il 16 alle superiori. ''Malgrado le minacce ai docenti e le menzogne diffuse da tanti presidi, su istigazione dei Signori Invalsi e degli ispettori del Miur - affermano i Cobas - nonostante siano state utilizzate contro la protesta anche due micro-sigle simil-Cobas, che dopo essersi aggregate in extremis alla nostra convocazione hanno revocato all'ultimo istante l'adesione consentendo a tanti presidi di annunciare trionfanti che lo sciopero Cobas era stato annullato, oggi decine di migliaia di docenti della scuola primaria e molti Ata hanno scioperato rifiutandosi di 'somministrare' i demenziali e distruttivi quiz Invalsi''. ''Ci arrivano pero' - denuncia il sindacato - da tante scuole notizie di docenti in sciopero sostituiti, di classi accorpate e ammassate: se le notizie saranno confermate, laddove verificheremo attivita' anti-sindacali da parte di presidi adoratori dell'Invalsi saremo obbligati a procedere per vie legali. Anche tanti genitori hanno tenuto a casa i bambini/e, ampliando la sacrosanta attivita' di boicottaggio degli indovinelli, che oltretutto dilapidano i gia' pochi soldi investiti nella scuola''.
''Domani - annuncia il portavoce nazionale dei Cobas Piero Bernocchi - saranno le scuole Medie a continuare la protesta e a scioperare contro la miserabile scuola-quiz che smantella materialmente e culturalmente l'istruzione, trasformando i docenti in addestratori di quiz, che preparino gli studenti ad una futura manovalanza precaria. E la protesta culminera' nella giornata del 16 maggio quando entreranno in campo anche gli studenti delle Superiori con varie forme di boicottaggio dei quiz e con manifestazioni nelle principali città insieme ai docenti ed Ata in sciopero, in particolare a Roma manifesteremo al Ministero di Viale Trastevere con inizio alle ore 10''. Ribadendo che ''i quiz Invalsi non sono obbligatori, nonostante la frasetta del Decreto Semplificazioni che li giudica 'attivita' ordinaria''' e che ''ogni attivita' ''ordinaria'' al di fuori delle lezioni e delle riunioni degli Organi collegiali (ad es. gite scolastiche), oltre a dover essere decisa da questi ultimi, non comporta alcun obbligo per docenti, Ata o studenti'', i Cobas diffidano ''i presidi sia dal diffondere false notizie su presunte revoche di sciopero da parte dei Cobas, sia dal sostituire gli scioperanti, azione che, come gia' detto, ci obbligherebbe a denunciarne alla magistratura i responsabili''.

 

 

Commenta Stampa
di Anna Carla Broegg
Riproduzione riservata ©