Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Seiano abbandonata: se ne parlerà durante un incontro pubblico


Seiano abbandonata: se ne parlerà durante un incontro pubblico
24/03/2011, 16:03

Seiano, casale dimenticato da cinque anni. Questo è il tema dell’incontro che si terrà sabato 26 marzo, ore 19, a Seiano, frazione di Vico Equense, nei locali dell’arciconfraternita. A volerlo è stato il Movimento “In direzione ostinata e contraria” a seguito delle numerose segnalazioni pervenute presso la sede in via San Ciro, 6. Alla “Fabbrica delle idee”, infatti, si sono rivolti numerosi cittadini che hanno accolto l’invito, formulato dall’avvocato Aldo Starace, candidato a sindaco alle prossime elezioni amministrative di Vico Equense, a comunicare problemi ed eventuali proposte relative allo stato in cui si trova il paese in cui vivono. “Molte delle segnalazioni raccolte dai membri del Movimento si riferiscono alla zona di Seiano – afferma Aldo Starace – e alla sensazione di abbandono con cui hanno convissuto i residenti per cinque anni e con cui ancora convivono. I cittadini denunciano il completo disinteresse da parte delle istituzioni verso i problemi che rendono difficile la vita nel borgo, zona che, tra l’altro, è di grande rilievo turistico. Basta pensare alla marina, per accedere alla quale attualmente vi sono due strade le cui condizioni sono vergognose: via Murrano e il vecchio tracciato, completamente abbandonato. Va, inoltre, ricordato che è una zona in cui hanno sede prestigiosi ristoranti e strutture alberghiere che consentono ogni anno a migliaia di visitatori di risiedere a Vico Equense, motivo per il quale l’attenzione verso questo territorio dovrebbe essere doppia. Pertanto sabato faremo questo incontro con l’intenzione di ascoltare i cittadini che risiedono o che hanno attività commerciali a Seiano, per capire le loro principali difficoltà e per studiare, poi, le relative soluzioni”. Tra le segnalazioni pervenute presso la “Fabbrica delle idee” inerenti alla frazione di Seiano: la mancanza di vigili urbani e la conseguente creazione di traffico e caos, l’insoddisfacente impianto di illuminazione, l’inesistente segnaletica, le condizione in cui si trova il Rivo d’arco.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©