Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Sente un rumore nell'orto e spara: era il fratello, ucciso


Sente un rumore nell'orto e spara: era il fratello, ucciso
16/07/2009, 13:07

C'è stata una tragedia familiare ad Artena, Comune della provincia di Roma. Un uomo di 49 anni ha sentito dei rumori provenienti dall'orto e si è allarmato. Guardando, ha visto un'ombra che scivolava nell'orto; senza por tempo in mezzo ha preso il fucile da caccia, regolarmente detenuto, e ha fatto fuoco. Il proiettile ha colpito la persona alla testa, uccidendolo sul colpo. Quale non è stata la triste sorpresa nello scoprire che la persona colpita era il fratello, 58 anni, che viveva nella stessa villa bifamiliare.
L'assassino è stato arrestato con l'accusa di omicidio volontario ed è stato trasferito al carcere di Velletri.
Interessante notare due cose: la prima è che si poteva chiamare la Polizia o i Carabinieri, non sarebbe successo nulla del genere; la seconda è che questi sono i risultati della legge, tanto vantata dalla Lega, che considera una autorizzazione alla legittima difesa il fatto che qualcuno entri in una casa altrui.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©