Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

SEPE APPREZZA L'INTERESSAMENTO DI GREENPEACE


SEPE APPREZZA L'INTERESSAMENTO DI GREENPEACE
14/02/2008, 13:02

Greenpeace lancia un progetto sui rifiuti a Napoli e si moltiplicano le iniziative della gente per promuovere la raccolta differenziata porta a porta. Il Cardinale Crescenzio Sepe chiede una Quaresima all'insegna dell'ecologia a 21 parrocchie per una raccolta domiciliare organizzata dagli stessi fedeli.  A gennaio l'organizzazione ambientalista con "Differenziamoci" aveva coinvolto cinquanta famiglie napoletane nella zona Colli Aminei per una raccolta differenziata porta a porta che aveva avuto un grande successo, raggiungendo il 73 per cento di rifiuti differenziati.  L'esperimento si era concluso con un'azione davanti il palazzo della Regione di Bassolino e la partecipazione di Lello Arena per proporre alla Campania e al Comune di Napoli una soluzione all'emergenza rifiuti vantaggiosa per salute, ambiente e posti di lavoro.  Durante la Quaresima, nel cortile della parrocchia "Santa Teresa del Bambin Gesù" del quartiere Colli Aminei, protagonista dell'iniziativa di Greenpeace, il lunedì e il mercoledì si potranno portare plastica, metallo, carta e vetro differenziati. "Santa Teresa" raduna 18 mila fedeli.  A questa, il Cardinale Sepe ne ha aggiunte altre 20, coinvolgendo un numero enorme di fedeli. Soltanto la Cappella Cangiani, nel Vomero Alto, ne conta più di 30 mila. Il Cardinale Crescenzio Sepe si era già pronunciato in passato a favore della raccolta differenziata, proponendo anche di formare delle cooperative di giovani per gestirla.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©