Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sequestrate al porto di Salerno, statue contraffatte provenienti dalla Cina


Sequestrate al porto di Salerno, statue contraffatte provenienti dalla Cina
28/10/2011, 12:10

I militari del Gruppo di Salerno – 2° nucleo operativo, in collaborazione con funzionari dell’Agenzia delle Dogane, nell’ambito dei molteplici controlli effettuati all’interno dell’area portuale sulle merci in entrata ed in uscita dal territorio nazionale hanno rinvenuto, stivati in un container, 726 statue in bronzo raffiguranti vari personaggi, riportanti sulle rispettive confezioni solo la società italiana importatrice e non anche quella cinese di produzione.
Tale “dimenticanza” avrebbe consentito alle imprese commerciali di poter immettere sul mercato i prodotti come “Made in Italy” a danno degli ignari acquirenti-consumatori finali.
Il container è stato individuato grazie all’esame documentale svolto dall’Ufficio Integrato di Analisi dei Rischi, che vede operare, in sinergia, funzionari della Dogana e militari delle Fiamme Gialle, su documenti che riportavano, quale causale dell’importazione “statue in bronzo”.
Sono ancora in corso accertamenti tecnici tesi a stabilire se i prodotti in sequestro rispettano la normativa posta a tutela della salute e ad accertare la genuinità delle materie utilizzate per la loro produzione.
Di recente, sempre le Fiamme Gialle del Gruppo di Salerno, unitamente a funzionari dell’Agenzia delle Dogane, avevano proceduto al sequestro di 717 statue natalizie in poliresina e 14.580 articoli di biancheria (lenzuola), recanti caratteristiche non conformi alle vigenti disposizioni di legge in materia.
I controlli in parola sono stati intensificati in vista delle prossime feste natalizie, al fine di evitare l’immissione sul mercato nazionale di prodotti scadenti, contraffatti o addirittura dannosi per la salute dei consumatori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©