Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sequestrati a Mondragone due depositi per la gestione di rifiuti speciali


Sequestrati a Mondragone due  depositi per la gestione di rifiuti speciali
10/02/2012, 15:02

Sempre alta l’attenzione che il Reparto Operativo Aeronavale di Napoli riserva all’ambiente e alla sua salvaguardia.
È in quest’ottica che i finanzieri della Sezione Aerea di Napoli insieme ai militari della Compagnia di Mondragone, avvalendosi della collaborazione del personale dell’A.R.P.A.C. di Napoli, sono intervenuti nel comune di Mondragone sequestrando due aree, dove, in violazione alle norme, si stavano consumando diversi reati contro l’ambiente.

Sulla prima area, di 3.500 m2, di proprietà pubblica, erano stati abbandonati rifiuti speciali pericolosi e non, costituiti da eternit, da filtri di oli esausti abbandonati alla rinfusa, inerti da costruzione, oltre a residui da combustione di materiale plastico.

Nella seconda area, di 1000 m2, adiacente alla prima, una impresa autorizzata esclusivamente alla raccolta e al trasporto di rifiuti non pericolosi, di fatto svolgeva anche attività di stoccaggio, selezione e cernita di rifiuti speciali pericolosi e non. Infatti, sono stati rinvenuti sul terreno parti di autoveicoli, pneumatici e bombole metalliche per gas compressi.

Entrambe le aree sono state localizzare dagli elicotteri della Sezione Aerea di Napoli – Capodichino della Guardia di Finanza, nel corso di ricognizioni aeree di polizia economico – finanziaria, e le evidenze hanno determinato l’avvio di indagini approfondite, minuziosi accertamenti presso gli organi amministrativi competenti per la verifica del possesso di eventuali autorizzazioni, che hanno portato all’intervento operativo per identificare i responsabili, interrompere le attività illecite e recuperare le aree.

Il servizio ha posto fine a una serie di attività illegali a spregio dell’ambiente ed ha permesso di sequestrare oltre alle due aree, un autocarro, un grande quantitativo di rifiuti speciali pericolosi, altri materiali di risulta e, soprattutto, ad identificare e denunciare all’autorità giudiziaria competente il responsabile, D.F.A. di anni 55, residente a Mondragone.
Durante le operazioni sono stati acquisiti elementi documentali che saranno oggetto di approfondita analisi da parte del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta, per l’individuazione dei connessi illeciti di natura fiscale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©