Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sequestrato night club cinese a Roma, per Calgani è allarme


Sequestrato night club cinese a Roma, per Calgani è allarme
20/04/2010, 15:04


ROMA - "Non è la prima volta che la criminalità cinese si manifesta sotto una delle sue innumerevoli forme nella zona est della città". Così Alessandro Calgani, responsabile romano dell'Italia dei Diritti, commenta il sequestro preventivo eseguito in un locale a luci rosse della Capitale sito in via Casilina e gestito interamente da cinesi. All'interno del night club, che ospitava quindici prostitute, è stata trovata anche una nuova sostanza stupefacente di origine asiatica chiamata "K-Fen", oltre a dosi di hashish, marijuana e svariate pasticche di ecstasy. "Rimango dell'opinione - continua Calgani - che serva una struttura ad hoc delle forze dell'ordine specializzata e focalizzata sulla realtà della comunità cinese, molto più complicata da gestire, vista anche la maggiore difficoltà di identificazione dei soggetti che vi appartengono, vuoi per tratti somatici, ma soprattutto per la trascrizione in lingua delle generalità. Alle periferie deve essere fornita una risposta di sicurezza tale da non creare veri e propri quartieri d'oriente. Sicuramente - conclude il rappresentante del movimento presieduto da Antonello De Pierro - tale soluzione non può essere quella attuale, con ripetute chiusure dei commissariati, tra i quali quello di Centocelle, l'estensione del provvedimento al Casilino e con altre strutture di polizia di zona su cui pende la mannaia dello sfratto".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©