Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

SEQUESTRO DISCARICA ABUSIVA NELL'AVELLINESE


SEQUESTRO DISCARICA ABUSIVA NELL'AVELLINESE
05/03/2008, 19:03

Nel quadro della sempre maggiore attenzione attribuita al comparto TUTELA AMBIENTALE dal Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino, Colonnello Mario Imparato, in data odierna gli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria di Avellino hanno sottoposto a sequestro in Serino (AV), località Satrano, una discarica abusiva a cielo aperto che copriva un’area di circa 7.000 metri quadri, una macchia nello scenario incontaminato dell’area di Serino, zona verde per eccellenza, coperta da ricchi castagneti, vanto e ricchezza per gran parte degli abitanti della zona.
All’atto dell’intervento, preceduto da una intensa attività di ricerca informativa, gli uomini agli ordini del Tenente Colonnello Maurizio GUARINO si sono trovati dinnanzi uno scenario di particolare degrado: sula nuda terra erano ammassati diversi rottami di vario genere e natura, mangiati dalla ruggine e del tempo, carcasse di mezzi per l’edilizia, vecchi pneumatici, scaldabagni in disuso, capriate in metallo, cumuli dilegno, tubi di plastica, una betoniera, 2 serbatoi di piccole dimensioni contenenti materiali edili, alcune bombole di gas (vuote), numerosi materiali di copertura per fabbricati tra i quali, per la loro valenza di pericolosità, spiccavano “onduline” di cartone catramato e lastre di “eternit” (contenenti amianto).


Il campo era limitato da un capannone esteso per circa 100 metri quadri che custodiva, al suo interno, ingenti quantitativi di lana roccia, materiale in ferro e in legno.

Il servizio, sviluppato con funzionari del Dipartimento Provinciale dei Avellino dell’ARPAC, si è concluso con il sequestro di tutta l’area, una fra le più estese fra tutte quelle individuate nell’avellinese.

Il proprietario del fondo, tale G.M., di anni 65, originario di Solofra, è stato deferito alla  Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino quale responsabile delle fattispecie di reato di cui all’articolo 256 del Decreto Legislativo nr. 152 in data 03.04.2006 recante la normativa in materia ambientale. L’intera area sottoposta a sequestro giudiziario dovrà essere oggetto di bonifica.
 

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.