Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La notizia è stata nascosta per un mese

Sequestro lampo del contabile di Berlusconi, arresti ed indagini in corso


Sequestro lampo del contabile di Berlusconi, arresti ed indagini in corso
19/11/2012, 09:49

MILANO - Un sequestro lampo ed una strana richiesta di soldi: questi gli elementi di un caso di cronaca che riguarda da vicino Silvio Berlusconi. 
Tutto inizia il 15 ottobre scorso, quando Giuseppe Spinelli, contabile delle aziende di SIlvio Berlusconi, esce di casa. Arrivato all'ascensore, viene aggredito da due uomini, che lo spingono in casa, minacciando lui e la moglie. Le richieste sono presto fatte (anche se l'intera famiglia resta sequestrata in casa finchè nopn arriva il capo, nel cuore della notte): vogliono parlare con Berlusconi, per offrirgli documenti informatici riguardanti il lodo Mondadori e documenti riguardanti un presunto "accordo" tra il presidente della Camera dei Deputati Gianfranco Fini e i magistrati a suo danno. In cambio vogliono 35 milioni. Spinelli parla con Berlusconi, il quale manda gli uomini della propria scorta a proteggere Spinelli e dà incarico all'avvocato Ghedini di andare a parlare con il Pubblico Ministero Ilda Bocassini per denunciare l'accaduto. 
Partono le indagini e il primo indizio a disposizione è il fatto che il capo ha delle scarpe da ginnastica rosse ai piedi. Partendo da qui e dalle immagini delle videocamere della sorveglianza, si è risalùiti ad una autovettura ed infine ad una impronta digitale. Così è stato arrestato il capo del gruppo - formato da tre italiani e tre albanesi - che è stato identificato in Francesco Leone, ex pentito barese ed affiliato al clan Parisi. E' stato lui ad offrire il materiale informatico, che avrebbe riguardato anche l'ingegner Carlo De Benedetti, proprietario della Cir ed antagonista di Mediaset per il lodo Mondadori. 
Ma le indagini non sono finite: prima dell'arresto sono state effettuate intercettazioni telefoniche, dalle quali è risultato che la banda contava di fare altri milioni di euro con altre manovre illecite, ma non ancora perfettamente scoperte. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©