Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Adescava i minorenni con un test sulla sensibilità corporea

Sesso in cambio di denaro: arrestato prete pedofilo a Palermo

Il compenso andava da 50 euro a un massimo di 300 euro

Sesso in cambio di denaro: arrestato prete pedofilo a Palermo
23/07/2012, 18:00

PALERMO – Avrebbe abusato di molti giovani, tutti di ètà compresa tra i 14 e i 18 anni, pagando in denaro le loro prestazioni sessuali. È con questa accusa che Davide Mordino, già parroco della Basilica di San Calogero di Sciacca, Agrigento, è finito in manette. Secondo l’accusa, il sacerdote avrebbe consumato gli abusi sessuali sui minorenni fino al 30 dicembre 2009: il provvedimento di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti è stato eseguito nella città di Palermo, dove il religioso si è trasferito da diverso tempo.  

La vicenda è venuta a galla nell’ambito dell’operazione antidroga “Mata Hari”, quando si è scoperto che uno degli indagati intratteneva con il prete commerci sessuali. Alla luce di ciò gli inquirenti hanno deciso di aprire un’indagine parallela nel tentativo di fare chiarezza e successivi accertamenti e intercettazioni hanno permesso di ricostruire che il parroco ingannava i minorenni, dicendo di doverli sottoporre a un “test sulla sensibilità corporea” per conto dell’Università di Palermo: solo dopo questo approccio cominciavano i rapporti sessuali a pagamento, con somme che andavano da un minimo di 50 fino a un massimo di 300 euro.

Stando a quanto riferito dalla polizia, inoltre, il sacerdote faceva sottoscrivere alle sue vittime un modulo falso, facendo credere ai ragazzi desiderosi di entrare nel mondo dello spettacolo di essere in grado di farli partecipare al programma televisivo “Amici” di Maria De Filippi, grazie alla sua parentela con un intrattenitore televisivo. Alla luce di quanto scoperto, il prete si trova ora rinchiuso nel carcere palermitano dell’Ucciardone.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©